Mostra del designer Vito Nesta nelle stanze di Giuseppe Verdi al Grand Hotel et de Milan

“Musica da Viaggio. Vito Nesta nelle stanze di Giuseppe Verdi.” Questo il titolo della prima personale del giovane designer pugliese in occasione della Design Week 2019.

Si inaugura domani, 9 aprile, la mostra personale di Vito Nesta, il designer pugliese trasferitosi a Milano dopo gli studi di interior design a  Firenze.

Visionario, colto, curioso, il mondo di Vito Nesta, che ha al suo attivo collaborazioni con aziende del calibro di Riva 1920, Karpeta, Texturae, RochBobois, Bagutta, Bonaudo, è fatto di immagini sospese tra il design e l’artigianato che arrivano da epoche e luoghi geografici anche molto distanti tra loro.

Dal 9 al 14 aprile, Nesta presenta Musica da Viaggio al Grand Hotel et de Milan, albergo nel cuore della metropoli milanese e luogo simbolo della città, che nei suoi centocinquant’anni di vita ha visto passare uomini e donne che hanno segnato la storia, primo fra tutti Giuseppe Verdi, che vi soggiornò ripetutamente durante le sue soste a Milano per circa trent’anni, e dove morì il 27 gennaio 1901.

Alla fine dell’Ottocento, il Grand Hotel et de Milan era l’unico albergo dotato di servizi postali e telegrafici; oggi conserva il fascino di un’antica casa milanese, un luogo ricco d’atmosfera e denso delle tracce che vi hanno lasciato i personaggi illustri che lo scelsero come meta fissa per i propri soggiorni milanesi (non solo Verdi, ma Caruso, Tamara del Lempicka e, in tempi più recenti, Vittorio De Sica e Richard Burton).

Nesta utilizza la memoria come un archivio infinito di rielaborazioni e di evocazioni per creare un design che abbraccia colore, decorazione e dialogo con la storia. La sua personale Musica da viaggio è stata concepita come un progetto site-specific per le Stanze di Giuseppe Verdi, poco note al grande pubblico.

 

Così come Verdi utilizzava melodia e armonia per comporre i suoi spartiti, così Nesta sceglie di giocare con la gamma cromatica nella sequenza di installazioni in scala architettonica che si trova tra gli arredi originali.

Uno scambio continuo di rimandi tra le modulazioni sinestetiche che si specchiano l’una nell’altra, donando un’esperienza immersiva e sensoriale.

Per queste installazioni di grande formato nelle stanze in cui visse Giuseppe Verdi, il materiale selezionato è la pelle, elemento principale dell’allestimento, che dimostra la sua adattabilità estrema, la forza espressiva e un carattere elegante, che dichiara la sua profonda appartenenza alla città di Milano.

 

La mostra Musica da viaggio. Vito Nesta nelle stanze di Giuseppe Verdi è stata resa possibile grazie al supporto di Bonaudo, azienda italiana leader nella produzione di pelli di alta qualità, impegnata sul fronte della tutela dell’ambiente e attiva nel sostenere talenti emergenti internazionali.

 

Musica da viaggio. Vito Nesta nelle stanze di Giuseppe Verdi apre alla stampa con un’anteprima martedì 9 aprile dalle 10 alle 18. L’Opening party, su invito, si svolge dalle 18.00 alle 21.00.