Decorazioni di Natale: a ognuno il suo stile

Le decorazioni di Natale esprimono lo stile e la personalità di chi le sceglie, per disporle sull’albero o alle proprie finestre: ecco una rassegna breve e non esaustiva, ma ampiamente rappresentativa, degli stili delle decorazioni di Natale nel 2018.

Si dice che chi si lancia con entusiasmo e spirito fanciullesco nella preparazione dell’albero di Natale sia più felice di chi veda nell’addobbamento della propria dimora una mera incombenza.

Sembra anche che chi gira per le strade incantato dalle luci e stia con l’animo sospeso ad aspettare la notte della Vigilia, pur passando per negozi quasi tutto il periodo dell’Avvento, a conti fatti spenda meno per i regali di Natale che i consumatori spasmodici dell’ultimo minuto.

Quello a cui non si pensa quasi mai, ma che è in fondo cosa certa, è che anche le decorazioni di Natale esprimono lo stile e la personalità di chi le sceglie, per disporle sull’albero o alle proprie finestre.

Ecco una rassegna breve e non esaustiva, ma ampiamente rappresentativa, degli stili delle decorazioni di Natale nel 2018:

 

Decorazioni rosse e bianche

Il rosso, colore classico del Natale; una spruzzata di bianco su ogni cosa, a simboleggiare la neve e l’inverno. Si tratta di un allestimento “soffice”, elegante, d’ispirazione retrò.

 

Argento e toni freddi

Anche le decorazioni argentate sono un chiaro riferimento al gelo e alla neve, ma l’accento è sulla festa. Non un semplice bianco dunque, ma il metallizzato, per una resa più sontuosa e di stile.

 

Luci glaciali


Ci sono poi le decorazioni fatte esclusivamente di luce bianca: alberi stilizzati, animali del Polo, scene intere con orsi, cervi e scoiattoli bianchi creati con punti di luce. Da far venire i brividi (almeno, di freddo).

 

Decorazioni Tanto oro


Con l’oro a Natale non si sbaglia. Scalda, fa festa, illumina, dà una luce accogliente: l’oro è promosso sempre.

 

Pupazzi e orsetti, per i più infantili


Scendiamo un po’ di livello con le decorazioni fatte di personaggi natalizi: ci sono alberi di Natale vestiti di: pupazzi, orsi, biscotti di pan di zenzero, cuoricini in stoffa e naturalmente Babbo Natale. Non sono il massimo dell’eleganza, ma in una casa piena di bambini fanno allegria. Promossi comunque: è Natale.

 

Decorazioni Anni Ottanta, tristezza infinita


Le vecchie decorazioni anni Ottanta, rimasuglio di luci e palline sopravvissute ai traumi e agli scossoni nelle cantine delle nostre mamme, si contraddistinguono per essere in multicolor. Non c’è un tema, non una tonalità prevalente. C’è di tutto. Palline, stelle, pigne, campane; rosse, verdi, azzurre, bianche, viola, a strisce, generalmente attraversate da un filo d’argento ingiallito (o dorato sbiadito) e da una ragnatela di luci in gran parte bruciate. Se decorate l’albero così, non vuol dire necessariamente che non abbiate gusto. Semplicemente, siete Scrooge.

 

Interni di Natale


Oltre alle decorazioni, gli interni della casa, inclusi gli accessori, possono essere trasformati nella versione più natalizia che possiate immaginare: piatti, tovaglioli e tovaglie nei toni del verde e rosso, centrotavola in legno, caminetto acceso.
Anche se vi trovate in centro a Milano, vi sembrerà di stare in una baita di montagna.
Grazie alla tecnologia, il camino può essere creato con la relativa app, così che il televisore trasmetta ininterrottamente l’immagine di un fuoco scoppiettante. Che non sia la stessa cosa di un fuoco vero, è chiaro.

 

Decorazioni di Lillà


Non è detto che bisogna per forza scegliere i colori classici del Natale, rosso, oro e verde. Se siete originali, creativi e avete stile, potete fare le vostre decorazioni in qualsiasi colore. Basta scegliere un colore dominante e non pasticciare, less is more, come sempre. Per esempio, con una certa audacia potrete decorare il vostro albero di lilla. Gli abbinerete un verde acqua e… basta.

Al massimo qualche spruzzata d’argento. Sorprendentemente elegante.