Le spiagge italiane più belle dell’estate 2018

Ormai manca poco: chi di voi non è già sdraiato in spiaggia a godersi un po’ di tintarella, starà pianificando le vicine vacanze estive, motivo in più per dare un occhio al nostro articolo dedicato alle spiagge italiane più belle dell’estate 2018.

Ormai manca poco: chi di voi non è già sdraiato in spiaggia a godersi un po’ di tintarella, starà pianificando le vicine vacanze estive, motivo in più per dare un occhio al nostro articolo dedicato alle spiagge italiane più belle dell’estate 2018.
Non solo quelle che potranno sventolare Bandiera Blu ma tutte quelle che, in Italia, sono per noi di Viviconstile le spiagge top da non perdere quest’anno, un mix perfetto di paesaggi mozzafiato, servizi e rispetto della natura.

Partiamo dalle spiagge più belle della Sardegna che, questo è certo, non hanno nulla da invidiare ai paradisi caraibici. Calette da cartolina tropicale inframmezzate da rocce imponenti, dune, agavi e cespi di mirto, acque smeraldine e sabbia sottile come borotalco. Da nord a sud dell’isola, è davvero difficile non imbattersi in spiagge indimenticabili.
Una delle spiagge più belle dell’isola, e forse anche una delle meno conosciute, è Cala Goloritzé nel comune di Baunei, nella parte sud del Golfo di Orosei in provincia dell’Ogliastra.
Nata da una frana nel 1962, è famosa per il pinnacolo alto 143 metri che sovrasta la cala e che i climbers “sfidano” con arrampicate sportive.
C’è anche un arco naturale che si apre sul lato destro della baia e, in un anfratto tra le rocce all’interno della spiaggia, è presente una sorgente d’acqua dolce che dal sottosuolo sfocia in mare.
Dichiarata Monumento Naturale della Regione Sardegna e poi Monumento Nazionale Italiano, Cala Goloritzé è assolutamente incontaminata e selvaggia. L’arenile, di piccoli ciottoli bianchi e sabbia, è raggiungibile via mare o con un sentiero che dall’altopiano del Golgo giunge alla spiaggia. Molto interessante dal punto di vista naturalistico, qui ha scelto di nidificare il Falco della Regina.

Anche la Toscana, con le sue grandi spiagge affacciate sul mar Tirreno, non teme confronti. Qui, per chi ama le vacanze all’insegna della natura, non mancano bellissime spiagge libere, da vivere ognuno secondo il proprio gusto.
Si fa fatica a crederci, ma persino la super gettonata Viareggio conserva una piccola porzione di spiaggia libera, vicino al Canale Burlamacca. Al quartiere della Darsena, superata la lunga serie di stabilimenti balneari su viale Europa, iniziano dopo una sbarra i chilometri e chilometri di spiaggia ultraprotetta del Parco Naturale di Migliarino-San Rossore-Massaciuccoli, interrotti, fino alla foce dell’Arno, solo da un’infilata di stabilimenti all’altezza di Torre del Lago.

Tra le spiagge italiane più belle dell’estate 2018 non possono mancare all’appello le coste delle Marche, soprattutto all’interno del Parco del Conero.

Famosa per la bellezza delle sue spiagge è Numana, antico porto le cui origini risalgono ai Piceni, divisa in due: Numana bassa, dove ci si rilassa sulla sabbia fine della lunga spiaggia (che arriva fino a Marcelli, famosa e frequentata da un turismo giovane), e Numana alta, arroccata sul crinale del monte esposto al mare, famosa per le sue viuzze ripide, tra le quali il popolare vicolo di Costarella, animato durante l’estate da diverse mostre d’arte. A nord del porticciolo la costa è alta e le spiagge si nascondono come perle all’interno di insenature nascoste.

Proseguendo verso sud lungo la costa si arriva in Salento: terra affascinante, piena zeppa di tradizioni ed emozioni autentiche, il Salento gode da qualche anno a questa parte di una grande e meritata fama e, da “tacco” del Bel Paese sconosciuto ai più, si è trasformato in una delle mete più cool del Mediterraneo made in Italy. Certo i motivi di tanto successo sono sotto gli occhi di tutti: Lecce bella e barocca, Otranto e le sue case di un bianco accecante, Gallipoli con la cattedrale, i palazzi fortezza e gli stretti vialetti affacciati sul mare.
E poi il mare: non un mare qualsiasi, però, ma chilometri di meravigliosi litorali di sabbia finissima che a tratti lasciano il posto a baie, grotte e fiordi commoventi. Non a caso sono proprio qui alcune delle spiagge più belle dell’estate 2018.
Chiudete gli occhi, immaginate il paradiso in terra, riapriteli e se vi troverete di fronte a un paesaggio di sabbia candida che si fonde con un mare turchese, non pensiate di trovarvi nel bel mezzo di un atollo dell’Oceano Indiano. Sicuramente si tratta della Baia dei Turchi, spiaggia bellissima, a pochi chilometri a nord di Otranto.

Il tratto di costa della Baia dei Turchi, dove si dice fossero sbarcati i guerrieri saraceni nel corso dell’assedio alla città di Otranto del XV secolo, fa parte dell’Oasi protetta dei Laghi Alimini, uno degli ecosistemi più importanti del Salento e della Puglia.
Baia dei Turchi è una piccola insenatura di sabbia finissima circondata da una parete di roccia calcarea, tra pineta e macchia mediterranea, meta ideale per i surfisti e le famiglie, grazie alla facilità di accesso in acqua.

Il Cilento, zona meridionale della Campania, in provincia di Salerno, proprio grazie alla bellezza delle sue spiagge è stata dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità: distese di sabbia dorata, piccole calette protette da pareti rocciose, borghi candidi e villaggi super organizzati per vacanze in famiglia.
C’è la spiaggia di Cala Bianca, una delle più belle d’Italia: il suo nome deriva dal bianco abbagliante dei ciottoli che formano la spiaggia. È una delle località più suggestive della costa di Camerota e vanta uno dei mari più puliti della nostra Penisola. La potrete raggiungere in barca grazie a una bellissima escursione.
La spiaggia dell’Arco Naturale, a sud-est di Capo Palinuro, si trova a pochi passi dalla foce del fiume Mingardo, in un paesaggio incantevole che l’ha resa protagonista della scenografia di numerosi film. Il suo nome è legato a Palinuro, personaggio dell’Eneide, nocchiero della flotta di Enea.

Parlano i numeri per la Calabria: con quasi 800 chilometri di costa e due mari, il Tirreno e lo Ionio, non potevano che essere sue alcune delle spiagge italiane più belle.

Distese di sabbia che non hanno nulla da invidiare ai paradisi caraibici si trovano a Capo Vaticano, subito dopo Tropea, sulla Costa degli Dei: scogliere che si tuffano in mare, piccole baie di acqua turchese da raggiungere in barca, fichi d’india e profumo di macchia mediterranea fanno da contorno ai bagni più chic della zona. Unica accortezza: in estate evitate, se possibile, di andare durante i fine settimana, quando è praticamente impossibile trovare un angolo libero.

La carrellata tra le spiagge italiane più belle dell’estate 2018 non può che finire in Sicilia, terra da sempre custode di litorali incontaminati. Come, per esempio, la premiatissima Spiaggia dei Conigli, a Lampedusa lungo la costa Sud-Ovest dell’isola. La baia, vista dall’alto, ha tutti i toni del verde e del blu, la sabbia è bianca e finissima e l’acqua è sempre calda. Praticamente un angolo di Caraibi nel cuore del Mediterraneo.
Proprio di fronte alla spiaggia si trova la piccola Isola dei Conigli, così vicina che si può raggiungere camminando nell’acqua o sulla sottile striscia di sabbia che emerge quando c’è bassa marea.
La spiaggia e tutta l’isola, infatti, sono una riserva naturale protetta che ogni anno a primavera inoltrata diventa teatro di un evento naturale emozionante: decine e decine di tartarughe marine, della specie protetta Caretta Caretta, in via d’estinzione per la crescente antropizzazione delle coste, emergono dai flutti per deporre le uova. Se si è particolarmente fortunati, alla fine dell’estate, si possono veder nuotare queste tartarughe, protette, insieme a questo ambiente meraviglioso, da diverse associazioni ambientaliste (WWF, Legambiente, CTS).