Milano Vintage Week – il vintage di stile da non perdere

Milano “capitale” del vintage di stile anche quest’anno, per la terza edizione di Milano Vintage Week dal 16 al 19 aprile 2015, negli spazi dello showroom Riccardo Grassi in via Giovan Battista Piranesi 4.

Milano “capitale” del vintage di stile anche quest’anno, per la terza edizione di Milano Vintage Week dal 16 al 19 aprile 2015, negli spazi dello showroom Riccardo Grassi in via Giovan Battista Piranesi 4.

Appuntamento divenuto in poco imperdibile per chi ama il vintage selezionato e di qualità, Milano Vintage Week è un’occasione ghiotta per i semplici appassionati ma anche per gli addetti al mestiere: nello stile che ha fatto storia, tra abbigliamento, bijoux, accessori, oggetti, arredi.
Tanti incontri in programma: proiezioni di vecchi film dell’Hollywood che fu e mostre collaterali, come quella dedicata a “I grandi sarti italiani e quell’ineffabile desiderio di bellezza” a cura dell’archivio di A.N.G.E.L.O.

Fondato da Angelo Caroli nel 1978, A.N.G.E.L.O. Vintage Palace di Forlì è un palazzo di tre piani dedicato al vintage, con migliaia di capi e accessori scrupolosamente selezionati e classificati. Un vero e proprio archivio storico di pezzi “usati d’annata”, raccolti in ogni parte del mondo per costituire l’unico museo permanente dedicato alla storia della moda del secolo scorso: modelli delle grandi Maison ma anche pezzi d’uso comune come capi militari, civili, da lavoro, sportivi.
Tra i partner della manifestazione anche Elizabeth Arden, che nel suo corner realizzerà make-up vintage gratuiti alle visitatrici di Milano Vintage Week, e Uber, che ancora una volta offrirà, a tutti i new users, una corsa del valore massimo di 20 euro per venire a Milano Vintage Week.

Come spiega Andrea Franchi, ideatore e organizzatore della manifestazione, «Milano Vintage Week vuole essere un punto di riferimento per gli appassionati del genere e per quanti abbiano ancora voglia di ricercare stile e qualità al di fuori dei limiti temporali e delle mode del momento ma, al tempo stesso, senza rinunciare a essere di moda. Il nostro sforzo è quello di proporre una selezione di capi, accessori e oggetti ancora attuali per quanto riguarda linee, motivi, tessuti, colori, materiali, che non meritano di restare in cantina, ma hanno tutte le caratteristiche per essere di nuovo protagonisti. Abbiamo voluto creare un evento che andasse oltre la semplice esposizione e vendita e che offrisse spunti di riflessione su un sistema di valori da riscoprire (e preservare); la formula è immediata e di facile lettura perché tutto è a portata di mano e non è necessario prenotarsi per usufruire degli eventi collaterali. Il pubblico che sceglie di venire a trovarci può decidere, poi, di vedere un film, assistere a uno degli incontri in programma, ritoccare il trucco o semplicemente dare sfogo alla propria personalità e fare shopping».