Dieci cose da fare a Gran Canaria

Dieci cose da fare a Gran Canaria

L’offerta turistica di Gran Canaria, la terza in ordine di grandezza delle isole dell’arcipelago delle Canarie, in Spagna, è tanto varia quanto l’isola stessa.

L’offerta turistica di Gran Canaria, la terza in ordine di grandezza delle isole dell’arcipelago delle Canarie, in Spagna, è tanto varia quanto l’isola stessa.

 

Le sue bellezze naturali, la sua ‘storia viva’, l’attività culturale, le feste e l’impagabile clima primaverile che regna per 365 giorni l’anno, garantiscono ai suoi visitatori delle vacanze indimenticabili: il suo clima primaverile durante i dodici mesi dell’anno è ormai famoso e la temperatura media è di 24 gradi centigradi.

Nell’arco della stessa giornata a Gran Canaria è possibile, come in un piccolo continente in miniatura, passare dalla costa calda alle zone miti dell’entroterra, attraversare valli e boschi subtropicali o raggiungere le vette delle montagne.

Tutte queste condizioni sono rese possibili dalla presenza dei venti alisei, dalle correnti marine e dalla particolare orografia di Gran Canaria, caratteristiche che lasciano impronte eccezionali sull’isola, considerando la sua latitudine, a pochi chilometri dal deserto del Sahara, al largo dell’Oceano Atlantico. La temperatura dell’acqua del mare è calda, con oscillazioni tra i 20 gradi nei mesi invernali e i 24 nel resto dell’anno. Grazie al mare caldo e alle 2.700 ore annuali di sole che si registrano a Gran Canaria, ogni giorno può essere sfruttato e goduto al massimo.
Le cose da fare a Gran Canaria sono parecchie: la spiaggia, l’ampia gamma di sport, le escursioni nell’entroterra e tante occasioni per divertirsi.

 

1 – Cosa fare a Gran Canaria? 365 giorni all’anno… in spiaggia

 

Sole tutto l’anno, d’estate come d’inverno e ben 128 spiagge tra le quali scegliere. Spiagge d’acqua cristallina e fine sabbia dorata, circondate da immense pareti a strapiombo sul mare e dune spettacolari come a Maspalomas. E, in più, la possibilità di praticare tanti sport nautici: vela, surf, windsurf, immersioni, pesca sportiva.

Anche praticare la pesca d’altura, la pesca sportiva, il windsurf, navigare o fare immersioni è possibile tutto l’anno. Ci sono più di un centinaio di spiaggie nei 236 chilometri di lunghezza della costa di Gran Canaria, ognuna con caratteristiche peculiari: dall’impressionante Maspalomas, con i suoi 250 ettari di dune accanto al mare fino a Las Canteras, la cosmopolita spiaggia del capoluogo dell’isola, La Palmas.
Le spiagge più importanti di Gran Canaria si trovano nella parte meridionale dell’isola, tra Tarajalillo e Mogán, dove il clima è più secco e soleggiato. Le montagne dell’entroterra bloccano le nubi provenienti dal Nord, di conseguenza il sud si mantiene quasi tutto l’anno sereno ed è possibile prendere il sole e fare il bagno nel mare sia d’estate sia d’inverno. 

 

2 – Riserva della Biosfera

 

Gran Canaria è un’isola di contrasti, un’incredibile vetrina di paesaggi che spicca per la sua straordinaria ricchezza naturale, la varietà dei microclimi e la particolare orografia, che la rendono un vero e proprio “Continente in Miniatura”. Questa caratteristica speciale ha spinto l’UNESCO a dichiarare Riserva Mondiale della Biosfera la zona occidentale dell’Isola, assolutamente tra le cose da vedere a Gran Canaria.
Dalla Cumbre (zona montuosa ubicata tra il centro e il sud-est dell’isola) si ammirano incredibili paesaggi d’origine vulcanica che invogliano a divertirsi con il turismo attivo in pieno contatto con la natura: scalate, percorsi in bicicletta, trekking nei barrancos (profondi canaloni d’origine vulcanica che scendono fino al mare), vallate di palmeti, estese pinete e specie endemiche sono solo alcune delle possibilità per scoprire ogni angolo dell’isola. Nella zona litoranea predominano gli ambienti aridi, con coste ricche di calette e spettacolari spiagge vergini come Güigüi.
A Gran Canaria si trova uno degli ultimi esempi di laurisilva (boschi di lauracee) che rimangono al mondo, ma che in quest’isola vivono copiosamente. Gran Canaria possiede anche una ricca varietà faunistica, come gli uccelli o la fauna marina. In questo scenario si è sviluppata un’offerta di turismo nella natura caratterizzato dal profondo rispetto per l’ambiente. Gli esempi più evidenti sono le numerose case rurali centenarie e restaurate e l’ampia gamma d’attività di svago: dagli sport come la scalata, al trekking lungo un intreccio di sentieri chiamati caminos reales, appartenenti al patrimonio storico-culturale dell’isola e recuperati per il transito.

 

3 – Golf a Gran Canaria

 

Il turismo del golf trova a Gran Canaria il suo scenario ideale proprio grazie all’ottimo clima. Il golf è molto amato nell’isola maggiore dell’arcipelago delle Canarie e vanta una tradizione molto antica che nasce addirittura nel XIX secolo, quando fu inaugurato il primo campo di golf realizzato in Spagna. Correva l’anno 1891. Dopo sei generazioni Gran Canaria continua a essere una delle destinazioni di golf preferite dagli Europei, attratti dalla presenza di ben otto campi di golf tutti all’avanguardia molto diversi gli uni dagli altri, ma tutti a portata di mano. 

 

4 – Cosa mangiare a Gran Canaria

La gastronomia di Gran Canaria è ricca e varia e si basa sui prodotti della terra: frutta al naturale, pesce, verdure. Qui le famose tapas spagnole si chiamano enyesques: sono gli imperdibili stuzzichini per fare l’aperitivo come olive condite, papas arrugadas con mojo picón (patate lessate in acqua salata con salsa piccante) e una grande varietà di formaggi canari squisitamente elaborati.
Tra i primi piatti non manca mai il Caldo de pescado (fumetto di pesce) e il Potaje de Berros (Minestra di crescione), i secondi piatti sono a base di carne come il Conejo en Salmorejo (coniglio marinato) o di pesce come la Vieja Sancochada (pesce lesso tipico delle Canarie).
Per addolcire il palato a fine pasto si può scegliere uno dei tanti dolci tipici di Gran Canaria, tra cui il Bienmesabe (crema di mandorle e miele) e gli Huevos Mole (tuorli d’uovo sbattuti con sciroppo di zucchero e cannella).
Il tutto “annaffiato” dagli ottimi vini con denominazione di origine di “Gran Canaria”. Uno degli aspetti più caratteristici dell’isola di Gran Canaria è la diversità dei microclimi, grazie alla quale l’uva della stessa varietà, coltivata in un’area geografica molto limitata, presenta un’ampia gamma di caratteristiche enologiche. Un’altra peculiarità che contraddistingue i vini locali deriva dal fatto che la maggior parte dei vitigni fu introdotta nell’isola prima che la filossera distruggesse i vigneti europei. Per questo motivo è possibile coltivare le viti senza dover utilizzare i portinnesti e così, oggigiorno, l’isola vanta un patrimonio vinicolo dalle caratteristiche uniche. 
Nel XVI secolo, il più famoso tra i vini esportati dalle Isole Canarie era conosciuto come malvasia o, semplicemente, vino delle Canarie. Attualmente nell’isola si produce una gamma molto più ampia di vini appartenenti alla Denominazione di Origine Gran Canaria.
Le varietà più diffuse sono la nera comune, negramoll, titilla, moscatella nera, malvasia e listan. Il DOP Gran Canaria comprende ben dodici marchi commerciali che elaborano vini novelli, rossi e bianchi. Si tratta di vini eccezionali che hanno già conquistato il mercato locale e la cui fama è in costante espansione.
Per poter conoscere a fondo la cultura vinicola di Gran Canaria non può mancare una visita delle cantine vinicole. Alcune dispongono di un museo, praticamente in tutte si può provare e comprare direttamente il vino locale e in molte è possibile, dietro prenotazione, assaggiare anche la gastronomia del posto.

 

5 – Gran Canaria per una vacanza in famiglia

Gran Canaria è una destinazione ideale per le famiglie, offrendo ai più piccoli un’ampia scelta di attività, con centri pensati per il loro divertimento e  il contatto diretto con la natura. L’Isola ha numerose spiagge riparate dove è sicuro fare il bagno. Inoltre le spiagge sono dotate di giochi e giostre per bambini. Non mancano parchi acquatici, tematici, luna park, sale giochi, spazi internet  e parchi pubblici dotati di infrastrutture e giochi pensati per soddisfare i gusti di bambini di ogni età. A Gran Canaria la natura riveste un ruolo importante nell’offerta delle attività di svago rivolte ai bambini.

 

6 – Vacanze benessere a Gran Canaria

 

A Gran Canaria il benessere si chiama “Gran Riposo” ed è il risultato di una tradizione molto antica e affascinante.
Furono infatti i viaggiatori inglesi sulle navi a vapore dirette a Città del Capo che, nel XIX secolo, iniziarono a far sosta sull’isola delle Canarie baciata da un microclima unico: il rifugio ideale per riposare durante il lunghissimo viaggio, guarire da malattie e acciacchi. Così, già a fine Ottocento, Gran Canaria divenne un’importante destinazione wellness della ricca borghesia europea che si dava appuntamento qui con un unico obiettivo: curarsi con il potere delle acque delle terme di Azuaje e Berrazales.
Oggi, dopo quasi due secoli, Gran Canaria è più che mai un paradiso per dimenticarsi dello stress e della stanchezza causati dall’affanno quotidiano. Passeggiare lungo le estese spiagge di sabbia dorata, fare il bagno nelle cristalline e miti acque del mare ricco di iodio e sodio e concedersi qualche coccola nei wellness center degli hotel dell’isola è tutto ciò che desidera chi è in cerca di una vacanza rigenerante. Gli hotel benessere si trovano in tutta l’isola, con una particolare concentrazione nella località di Maspalomas.

 

7 – Parchi divertimento e avventure esotiche a Gran Canaria

Gran Canaria abbina la luminosità delle lunghe giornate con una vivace e cosmopolita vita notturna. La magia del Carnevale, i bar all’aperto, il casinò, la destinazione gayfriendly, gli spettacoli e le feste popolari garantiscono il divertimento per tutti i gusti. Gran Canaria offre un’ampia gamma d’attività di svago che permette ai turisti di gustare il tempo libero nel modo più piacevole e divertente possibile. Palmitos Park, a San Bartolomé de Tirajana, è un giardino esotico di uccelli ed orchidee. Sioux City, a San Bartolomé de Tirajana, è un vecchio set cinematografico che occupa una superficie di 320.000 metri quadrati, dei quali 24.000 sono una riproduzione di un villaggio del Far West l’America del Nord, con case, chiese, ranch, banche, ‘saloon’… dove si ricreano situazioni western.
Chi è alla ricerca di un’esperienza esotica può provare un’escursione a dorso di un dromedario nelle Dune di Maspalomas o nella valle di Fataga. I turisti che vogliono osservare Gran Canaria dal cielo possono optare per un giro in elicottero o per altre attività emozionanti come il paracadutismo, l’ala delta e il parapendio, che offrono corsi per principianti e avanzati.
Gli amanti della velocità hanno a disposizione il circuito di go-kart più grande di tutta la Spagna, il Gran Karting Club, rivolto sia agli adulti, sia ai bambini.

 

8 – ¡Fiesta! (di giorno e di notte a Gran Canaria)

 

Di giorno e di notte, ci sono mille e una possibilità per trasformare le vacanze a Gran Canaria in una grande festa. Gran Canaria è un’isola giovane, divertente, un’esplosione di colori e una mescolanza di sapori a qualsiasi ora del giorno. La vita a Gran Canaria si svolge tutto l’anno in strada. Il carattere aperto e divertente dei grancanari, lo spirito cosmopolita e il clima primaverile che la caratterizza, hanno costruito a Gran Canaria una vita notturna con tante possibilità ed un solo obiettivo: il divertimento. Non potete immaginarvi l’ampia e varia gamma di alternative che offrono le calde notti dell’isola delle Canarie.
In ogni punto di Gran Canaria si vive un’autentica festa qualsiasi giorno dell’anno, specialmente d’estate. Romerías (sagre), feste notturne e feste popolari riuniscono migliaia di persone durante interminabili giornate all’insegna della festa e delle tradizioni.
Nel capoluogo Las Palmas de Gran Canaria e nella zona turistica al sud dell’isola, i giovani si godono la movimentata vita notturna. Il ritmo della notte è contagiante e non si ferma fino alla mattina in moltissime discoteche, pub e sale da ballo. Le terrazas (bar all’aperto) sono un’altra caratteristica attraente dell’Isola, grazie all’ottimo clima che permette di vivere la notte all’aperto durante tutti i mesi dell’anno. Festa, buon clima e divertimento sono gli ingredienti delle notti a Gran Canaria.

 

9 – Musica, arte e storia antica a Gran Canaria

A Gran Canaria ognuno troverà la propria ispirazione: persino Agatha Christie si rifugiava in un hotel di Gran Canaria per scrivere le sue novelle, mentre Camille Saint-Saënz trovava nelle campagne di Santa María de Guía l’ispirazione per comporre la sua musica.
Vale la pena menzionare il Festival di Musica delle Canarie in programma nei mesi di Gennaio e Febbraio, dove si sono dati appuntamento anno dopo anno le più importanti figure mondiali dell’interpretazione di musica classica.
Si distinguono anche il Festival d’Opera Lirica e di Operetta spagnola, il Festival Internazionale di Jazz con l’arrivo dell’estate, l’Incontro Internazionale di Folclore di Ingenio e molti altri festival come quello del cinema.
In diverse sale e musei di Gran Canaria si organizzano mostre d’arte. Per citarne alcuni: il Centro Atlantico di Arte Moderno (CAAM), il Centro di Arte La Regenta, la Casa-Museo di Cristoforo Colombo, la Sala San Antonio Abad o il CICCA (Centro di Iniziative della Cassa delle Canarie).
La danza e il teatro occupano una posizione altrettanto centrale nella vita culturale grancanariana, con la celebrazione del Festival di Teatro e Danza di Las Palmas de Gran Canaria, il Festival del Sud, l’Incontro Teatrale 3 Continenti, oltre alla programmazione realizzata dal Teatro Cuyás, dal Teatro Pérez Galdós e dall’Università di Las Palmas de Gran Canaria.
Insomma, ponte tra tre continenti, Gran Canaria fu testimone della più grande avventura della Storia: la scoperta del Nuovo Mondo. La sua condizione di luogo di transito di viaggiatori si riflette nel carattere aperto, cosmopolita e multiculturale dell’isola. Città e paesi con oltre 500 anni di storia che si rispecchiano nell’architettura di tipo coloniale e tradizioni centenarie che determinano un’identità chiaramente atlantica. Emerge anche il ricco passato storico dell’Isola, alcune tradizioni furono inventate dagli aborigeni, altre hanno una radice più internazionale, tutte però portano l’impronta del carattere locale, in un calendario d’effemeridi che scandiscono il ritmo di Gran Canaria: centinaia di mostre e di festival lungo tutto l’anno e più di una cinquantina di musei e parchi archeologici la fecero diventare finalista per la Capitale Europea della Cultura 2016.

 

10 – Come arrivare (e cosa sapere di) Gran Canaria

I collegamenti aerei dall’Italia all’isola di Gran Canaria sono sempre più numerosi col passare del tempo. Ci sono voli diretti tra una e tre volte in settimana da Bergamo, Bologna, Milano, Roma e Verona e voli con scalo a Madrid o Barcellona, ma non solo, da tutti gli aeroporti Italiani. Gli scali hanno una durata media di due ore e hanno una frequenza giornaliera.
È importante sottolineare che Gran Canaria, isola spagnola, appartiene alla Comunità Economica Europea con tutti i vantaggi che questo presuppone e, per di più, è una destinazione sicura. L’Isola non presenta problemi politici o di altro tipo che possano mettere in pericolo le vacanze che volete gustare fino in fondo e in tutta sicurezza.
Inoltre, fare shopping nell’Isola è assollutamente allettante per il fatto che non c’è l’IVA, il che permette prezzi tra il 10% e il 30% inferiori rispetto al resto d’Europa. Gran Canaria dispone di un’ampia rete di zone commerciali ubicate nei principali centri urbani e turistici che completano l’offerta turistica. A Gran Canaria si possono trovare mercati all’aperto in quasi tutti i comuni dell’Isola. Sono caratterizzati dalla gran scelta dei prodotti in vendita, che varia da manufatti artigianali ai più variopinti oggetti d’importazione, sempre ad ottimi prezzi. Oltre ai bus turistici, i visitatori che desiderano conoscere più a fondo l’isola possono usufruire dell’offerta di compagnie di bus (guaguas) che realizzano percorsi nei punti più diversi di Gran Canaria.