Salone del Mobile 2015 – novità e anticipazioni dalla Conferenza Stampa

Salire al 35esimo piano di uno dei grattacieli più belli del mondo ancora in costruzione per una conferenza stampa è un’occasione più unica che rara.

Salire al 35esimo piano di uno dei grattacieli più belli del mondo ancora in costruzione per una conferenza stampa è un’occasione più unica che rara.

È quello che è accaduto per la presentazione dell’edizione 2015 del Salone del Mobile di Milano, tenutasi il 10 febbraio nel cuore del cantiere della Torre Allianz di Arata Isozaki soprannominata Il Dritto, tra gru, scavatrici e le belle facciate delle costruzioni del nuovo quartiere City Life che sta pian piano prendendo forma.

Milano ai nostri piedi, nella grande sala gremita di pubblico, dove una brava Monica Maggioni ha moderato una conferenza stampa gradevole e interessante: tempi e ospiti giusti (Roberto Snaidero, Michele De Lucchi, Attilio Stocchi, il sindaco di Milano Pisapia), buon ritmo, argomenti trattati con cura e qualche incursione inaspettata nella poesia, perché i grandi architetti, va detto, sono gli ultimi dei sognatori. E forse il design ci piace così tanto anche per questo suo essere in bilico tra sogno e realtà, tra business e bellezza impalpabile.

Sta di fatto che durante la Conferenza Stampa milanese del Salone del Mobile 2015 tutto è stato dosato ad hoc per creare curiosità intorno a una delle fiere più vive e attese del panorama italiano.
Senza chiudere gli occhi di fronte alle difficoltà che la crisi ha portato nel nostro Paese, certo, ma guardando con ottimismo a un futuro dove a salvarci saranno, forse, la bellezza e il savoir-faire italiano che, nonostante tutto, ancora ci invidia e riconosce il mondo intero.

Perché non perdere l’edizione 2015 del Salone del Mobile, allora?

A parte i numeri giganteschi (più 2.000 espositori, un’area espositiva superiore ai 200.000 metri quadrati e migliaia di prodotti presentati al mercato in anteprima, oltre 300.000 visitatori attesi da più 160 Paesi) la 54a edizione del Salone del Mobile che aprirà le porte da martedì 14 a domenica 19 aprile, presso il quartiere fieristico di Rho, sarà un’edizione bella e coraggiosa, che guarda al futuro e alle radici profonde di un’Italia fatta di artigiani e creativi.

Il Salone Internazionale del Mobile sarà suddiviso nelle tre tipologie stilistiche  – Classico, Moderno e Design, il Salone del Complemento d’Arredo – oltre al Salone Satellite e quest’anno torneranno le biennali Euroluce e Workplace3.0/SaloneUfficio.

A Euroluce, la manifestazione in cui protagonista è l’eccellenza nel mondo dell’illuminazione, saranno presentate le novità in fatto di apparecchi per l’illuminazione da esterni, da interni, industriali, per spettacoli ed eventi, per il settore ospedaliero, per usi speciali; di sistemi di illuminazione, sorgenti luminose e software per le tecnologie della luce.
In occasione dell’Anno Internazionale della Luce proclamato dall’Unesco proprio per il 2015, sarà inoltre realizzata l’installazione – “FAVILLA. Ogni luce una voce” – racconto onirico di ricerca sull’essenza della luce ideato per la città di Milano dall’architetto Attilio Stocchi, che ha presentato il suo poetico progetto durante la conferenza stampa a una platea di giornalisti silenziosi e attenti come bimbi ai quali si racconta una bella favola.

Workplace3.0 sarà invece una proposta espositiva con un concept innovativo dedicato al design e alla tecnologia per la progettazione dello spazio di lavoro nel suo insieme. Workplace3.0 riunirà le proposte migliori del mondo dell’arredamento per ufficio, banche e istituti assicurativi, uffici postali e ambienti pubblici; delle sedute per ufficio e comunità, degli elementi per acustica, delle partizioni interne e dei rivestimenti, dei complementi d’arredamento per ufficio e delle tecnologie audio-video.

Dedicata all’ambiente di lavoro, “La Passeggiata”, grande installazione che porta la firma di uno dei miti viventi dell’architettura, Michele De Lucchi, è ideata con l’obiettivo di creare un’area in cui presentare proposte e spunti progettuali per vivere lo spazio di lavoro nelle tante e differenti accezioni attuali.
Perché nelle parole dolci e un po’ sospese nel tempo di De Lucchi, il luogo di lavoro è là dove nascono le idee, non stando ognuno seduto alla propria scrivania, ma parlando, muovendosi, incontrando sguardi e facendo scaturire sensazioni. Come in una passeggiata senza fine, dove i pensieri scorrono, si trasformano e si condividono.

 

 

 

Evento nell’evento sarà “IN ITALY” a cura dell’architetto Dario Curatolo che vedrà protagoniste 64 aziende italiane e un gruppo selezionato di designer, progettisti e architetti che si confronteranno sul tema dei prodotti, del design e della progettazione. Le aziende coinvolte si presenteranno attraverso uno strumento altamente innovativo, un filmato, con il quale il curatore condurrà lo spettatore nell’esplorazione virtuale del saper fare e dell’unicità italiani e del percorso produttivo nascosto dietro ogni oggetto. Il filmato diventerà un’installazione che a sua volta diventerà un’App per esplorare cinque soluzioni– a Lecce, Milano, Roma, Venezia e nella Val d’Orcia – per cinque stili d’interni.

Il Salone del Mobile è sui social network e in rete attraverso il sito web e il magazine (www.salonemilano.it), le pagine ufficiali su Facebook e Twitter, il canale dedicato su YouTube, la gallery su Flickr e i profili su Linkedin e Pinterest. Gli hashtag ufficiali per seguire l’edizione 2015 su Twitter @iSaloniofficial: #iSaloni |#Euroluce | #Workplace | #SaloneUfficio | #SaloneSatellite

Il Salone del Mobile inoltre è tra i sostenitori della mostra “LEONARDO 1452 ” – la più grande esposizione dedicata a Leonardo da Vinci mai realizzata in Italia – che si inaugurerà il 15 aprile 2015 a Palazzo Reale a ridosso dell’apertura del Salone.