News Post 

Berlino – capitale della moda hipster

Berlino è considerata una delle capitali della moda alternativa in Europa e una delle città nelle quali è presente il maggior numero degli esponenti dello stile hipster.

Berlino è considerata una delle capitali della moda alternativa in Europa e una delle città nelle quali è presente il maggior numero degli esponenti dello stile hipster.

Basta fare qualche giro per le strade della capitale tedesca per notare che la gente sfoggia vestiti molto diversi da come li vediamo in Italia.
Ma cos’è esattamente lo stile hipster? È, prima di tutto, una condizione mentale: gente che apprezza l’arte e l’indie rock, che vive controcorrente e che rifiuta il “mainstream”, ovvero le tendenze dominanti e tradizionali.
Si vantano di essere persone con la mente aperta, in grado di non giudicare chi gli si presenta davanti. Questo modo di vivere è rispecchiato anche nel loro tipico vestiario: abiti vintage, scarpe old-school, capelli spettinati ad arte, magari qualche tatuaggio e piercing sparso per il corpo, e, come tocco finale, portano spesso occhiali con montatura importante che regalano loro un’aria da “intellettuale”. È un look bohèmien che può sembrare poco curato, mentre in realtà nasconde spesso uno studio attento e preciso di ogni dettaglio. Perché anche essere anticonformisti e stropicciati è un’arte.

Persino l’origine del termine hipster è molto discussa. C’è chi afferma che provenga da “hop”, che significa “oppio”, e chi invece sostiene che abbia origine dalla parola “hipi”, che vuol dire “aprire gli occhi”.
Indiscusso rimane il fatto che questo termine è nato negli anni ’40 per descrivere gli esecutori di musica jazz e quei ragazzi che ne imitavano lo stile di vita.
Oramai, questo stile alternativo è stato ripreso anche dai ragazzini italiani e si sta diffondendo a macchia d’olio nel nostro paese. Secondo il Sunday Times, la città italiana degli hipster sarebbe Bologna.
Ma la capitale dello stile hipster rimane Berlino, città giovane e all’avanguardia, molto attenta all’ecosostenibilità, anticonformista e originale: praticamente cucita su misura per la gioia dei giovani alternativi di mezza Europa.


Se capitate a Berlino e volete viverla come un vero hipster, non dimenticate di frequentare i posti giusti. Come il Club der Visionäre, locale molto particolare, su più piani, in riva al fiume. Un bar per bere qualcosa, certo, ma anche per ballare.
A pochi passi di distanza c’è l’”Ipse” ,un altro locale frequentato da giovani creativi alla moda: un lungo bancone e una bella pista da ballo ne fanno una delle mete predilette per ballare a suon di techno fino alle prime luci del mattino.
Parlando di hipster a Berlino, non ci si può dimenticare del Mauerpark, famoso mercatino delle pulci berlinese, che si tiene ogni domenica, dove ci si va per gli approvvigionamenti di abiti, accessori e arredamento per la casa rigorosamente vintage e a prezzi stracciati, ma molto chic.
Un consiglio per visitare Berlino? Vivetela come se foste berlinesi doc. Nessuno vi giudicherà o vi guarderà con occhio inquisitorio. Vi troverete immersi in una realtà multietnica e in grande fermento, come si può notare passeggiando nelle strade di Kreuzberg, un quartiere della città che ospita persone provenienti da tutto il mondo.
È interessante vedere come vivono, come si vestono e come sfrecciano da una parte all’altra con le loro biciclette. A Berlino ognuno può esprimere il proprio modo di essere senza venire giudicato, può vestire in modo originale e esternare liberamente il proprio pensiero.
Andate a Berlino perché sarete travolti dal fascino di una città in continuo sviluppo e in perenne rinnovamento, una città che pensa ai giovani, e che ai giovani vuole regalare divertimento, cultura e buona musica. Ma soprattutto, un futuro da costruirsi su misura.

 

Valentina Rago
Dal Blog Fashion Need