Come vestirsi a un matrimonio: dress code ed errori da evitare

Come vestirsi a un matrimonio, esiste ancora un dress code e ci sono errori che è meglio evitare?

Come vestirsi a un matrimonio, esiste ancora un dress code e ci sono errori che è meglio evitare?

Ce lo siamo chieste in molte, più volte e soprattutto in questo periodo, visto che con la bella stagione non mancano gli inviti a nozze, party e feste di matrimonio.
Se non siete la sposa (in questo caso avrete di certo già scelto da tempo il vostro vestito), ma un’amica in cerca dell’outfit perfetto, magari a poche ore dal grande evento, niente panico.
Ecco i nostri consigli per scegliere il vestito giusto per non fare brutta figura al matrimonio della vostra migliore amica.
Il primo passo da fare è “analizzare” l’invito di nozze: è super classico e raffinato? Oppure giocoso? Non sottovalutate questo particolare perché l’invito al matrimonio potrebbe darvi qualche utile suggerimento sullo stile della cerimonia che si terrà.
Spesso poi gli inviti stessi contengono una piccola, interessante indicazione dal titolo inequivocabile: Dress Code. In quel caso attenetevi, per buon gusto, alla volontà degli sposi. Se non ci fossero indicazioni di sorta, invece, seguite il vostro di buon gusto.
Se la cerimonia nuziale si terrà al mattino, optate per un abito cocktail o un tailleur con gonna o pantaloni, meglio in un colore pastello, chiaro e rassicurante. Evitate lustrini e paillettes eccessive e le borse troppo capienti: una pochette sarà perfetta per valorizzare il vostro abbigliamento. Ormai non è più necessario indossare calze velate anche il 15 di agosto, quando si partecipa a una cerimonia. Fermo restando che ci si aspetta che tutte le invitate abbiamo gambe e pedicure in perfetto ordine.


Se il matrimonio avrà una location bucolica, potreste optare per un look più informale e country chic, con abitini svolazzanti e floreali tanto di moda quest’anno.
Se si tratta di una cerimonia estiva pomeridiana, in genere tra le quattro e le cinque del pomeriggio, con cena serale, l’abbigliamento richiesto agli ospiti sarà piuttosto elegante, in grado di non sfigurare quando il sole è ancora alto, ma di adattarsi anche ai balli sotto le stelle. E allora, come vestirsi?
Il lungo non è indicato per una cerimonia pomeridiana, quindi meglio optare per un abito da cocktail prezioso ed elegante, magari in pizzo o in seta. Via libera al nero, solo a patto di sdrammatizzarlo con accessori luminosi e colorati, però.
Tutto un altro stile se il matrimonio si tiene la sera, con party fino a notte inoltrata. In questo caso è di rigore il lungo, in tutti i colori che desiderate, escluso il bianco riservato alla regina delle festa, la sposa. Non abbiate paura di brillare, luccicare, risplendere da capo a piedi. Curate con attenzione tutti i particolari del vostro outfit da cerimonia, comprese l’acconciatura, che dovrà essere importante quanto l’abito. Ah, ovviamente non sono ammesse ballerine, ma solo sandali (meglio se gioiello) con tacchi vertiginosi.

Ed ora, prima di lasciarci, ecco gli errori da evitare e i must assolutamente irrinunciabili per avere un outfit da perfetta invitata a un matrimonio:

Evitate le scollature mozzafiato: Il buongusto deve essere la vostra linea guida, quindi cercate di evitare scollature troppo generose, specialmente se la cerimonia si tiene in chiesa;

Evitate vestiti sexy, troppo trasparenti, troppo corti (anche se avete gambe da gazzella) o striminzit: risulterebbero inadeguati per l’occasione;

Evitate i total look troppo appariscenti, come il rosso o viola: il primo risulterebbe troppo aggressivo, il secondo poco gradevole, visto che il viola è considerato un colore di cattivo augurio, per qualcuno;

Attenzione alla borsa: che sia una pochette o una clutch in grado di contenere il necessaire per la giornata, ovvero chiavi, cellulare, salviettine. Lasciate a casa borsoni da weekend!

– Portate con voi una stola o uno scialle per coprire le spalle;

– Tenete in macchina una borsa di riserva, con un paio di ballerine d’emergenza e un paio di collant.