Bistrot Il Desco Firenze, cucina bio e a km zero

Bistrot Il Desco –cucina bio e a km zero a Firenze

Cosa c’è di meglio di un pranzo all’aperto durante le lunghe giornate di primavera?

Cosa c’è di meglio di un pranzo all’aperto durante le lunghe giornate di primavera?

Se poi il pranzo è anche bio e a km zero, il gusto ci guadagna, come diceva una vecchia pubblicità di qualche decennio fa.
A Firenze, per esempio, proprio in centro e a due passi dal Duomo, c’è un ristorantino delizioso, il Bistrot Il Desco. Ospitato all’interno dell’Hotel Guelfo Bianco, è un ristorante-bistrot che propone piatti con ingredienti biologici (non al 100% ma in gran parte) in un’ampia scelta carnivora, vegetariana, gluten-free.

Il menù è tipicamente mediterraneo con influenze contemporanee e veg, ad esempio il seitan elaborato secondo ricette toscane. L’ambiente è molto accogliente, soprattutto se si pranza nel dehors esterno, molto intimo e dal gusto vagamente francese.
La cucina del Ristorante Bistrot Il Desco di Firenze è invece toscana al 100%: utilizza prodotti bio e il più possibile di filiera corta, per portare in tavola solo piatti freschi e stagionali preparati al momento. Al bando i surgelati e grande spazio agli ortaggi freschi bio, all’olio extravergine d’oliva di produzione propria e a una selezione di salumi e formaggi acquistati da piccoli produttori locali.
Sulle colline del Reggello, si trova il podere La Croce dove i proprietari del bistrot fiorentino producono il loro pregiato olio extravergine d’oliva biologico: si ottiene dalla spremitura a freddo di due varietà di olive, moraiolo e frantoio, che conferiscono un sapore fresco con lievi sentori di carciofo. Al ristorante è utilizzato come condimento "a crudo", nella preparazione di ogni ricetta e si può anche acquistare.
Ricca anche la selezione dei vini, che comprende il celebre Brunello di Montalcino, il Chianti Classico e Chianti Rufina. Ma si beve anche birra artigianale italiana di qualità.
In menù ci sono piatti che faranno felici i vegetariani più convinti, come il Flan di parmigiano su crema di taccole e ciliegini confit proposto come antipasto e altri per chi non vuole rinunciare alla carne, come i più classici Fegatini di pollo alla salvia e Vinsanto con insalatina primaverile.
I primi sono raffinati, nella loro stagionalità (Chitarrina cacio e pepe su crema di asparagi e granella di pistacchio, Lasagnette al ragù di cortile) e i dolci sono super classici (panna cotta, torta della nonna), ma con ingredienti di altissima qualità.