Orticola 2014 – a Milano la mostra-mercato del giardinaggio

Preparate i cappelli di paglia ornati di peonie e rose inglesi, indossate un abitino floreale (quest’anno di gran moda!) e sarete perfette per Orticola.

Preparate i cappelli di paglia ornati di peonie e rose inglesi, indossate un abitino floreale (quest’anno di gran moda!) e sarete perfette per Orticola.

Come sempre ospitata nei giardini di Giardini Indro Montanelli di via Palestro a Milano, Orticola è la mostra mercato più chic di Milano: organizzata dalla storica associazione Orticola di Lombardia, quest’anno compie ventinove anni.
E, alla vigilia di un compleanno speciale, dà appuntamento a tutti gli amanti del verde di stile dal 9 all’11 maggio con tante novità e qualche bella tradizione rispettata.

Partiamo con una new entry, il Giardino della Rosa Italiana di Orticola 2014: oscurate dalla fama delle rose inglesi, francesi e tedesche, ma amate da collezionisti esperti, le rose italiane meritano di essere riscoperte da un pubblico più vasto. Quale migliore occasione della mostra-mercato milanese, per farlo?
La rosa italiana ha infatti origini antichissime, come la Rosa di Paestum, oggi classificata come Rosa damascena ‘Bifera’, già citata nelle Georgiche di Virgilio, composte tra il 37 e il 30 a.C, ma è all’inizio dell’Ottocento che inizia la grande stagione delle rose italiane e dei loro famosi ibridatori, come la ‘Bella di Monza’, creata da Antonio Giovanni Luigi Villoresi, all’epoca direttore dei Giardini della Villa Reale di Monza, o la rosa ‘Strambio’ ibridata da Giovanni Casoretti nel 1824 e dedicata a Gaetano Strambio, medico fautore della lotta alla pellagra.

Ancora una volta Orticola 2014 si propone inoltre come strumento di divulgazione della cultura verde: durante i giorni della mostra si potrà curiosare tra 17 giardini grandi e piccoli realizzati in collaborazione con giovani paesaggisti e vivaisti specializzati che mostreranno qualche trucco del mestiere per avere spazi verdi belli ed equilibrati.

Novità 2014 sono gli allestimenti “verdi” e floreali ai tre ingressi della mostra-mercato affidati alle mani di vivaisti esperti e di paesaggisti creativi, per dare al nostro pubblico la sensazione di entrare nel Giardino Fantastico di Orticola.

E poi c’è OrticolaDesign Lab: il nuovo concept per l’allestimento scenografico della mostra in collaborazione con IED, Istituto Europeo di Design.
Si inizia quest’anno con l’indagine sul ruolo del verde negli spazi pubblici e del rapporto tra verde e design, individuando scenari in cui le piante diventino elementi innovativi del paesaggio urbano contemporaneo e in cui, vicendevolmente, design e verde siano l’uno al servizio dell’altro.

Come sempre a Orticola non mancheranno laboratori, corsi, dimostrazioni gratuite per grandi e piccini, nell’Area Corsi.
Per finire c’è il fitto calendario di appuntamenti di Fuori Orticola legati dal fil rouge del mondo del verde e ospitati in alcuni dei luoghi più rappresentativi della cultura milanese, come la Galleria d’Arte Moderna GAM, il Museo di Storia Naturale e la Biblioteca Braidense.