432 Park Avenue, il nuovo grattacielo più alto di New York

Il nuovo grattacielo più alto di New York e dell’emisfero occidentale, il 432 Park Avenue, sarà una realtà nel 2015.

Il nuovo grattacielo più alto di New York e dell’emisfero occidentale, il 432 Park Avenue, sarà una realtà nel 2015.

Sono infatti iniziati i lavori di realizzazione dell’edificio più alto dello skyline newyorkese: ben 425 metri affacciati su Central Park, sul fiume Hudson, sull’East River, sull’Oceano Atlantico, a dominare il nuovo volto di Manhattan.
432 Park Avenue sarà il più alto tra gli "skyscraper" abitabili della Grande Mela. Un grattacielo di grande bellezza, altissimo e leggero, dalla linea estremamente sottile.

Progettato dall’architetto Rafael Vinoly, l’edificio ospiterà più di 100 appartamenti super lussuosi (le cifre di realizzazione si aggirano intorno ai 95 milioni di dollari, cifre da capogiro) e gli interni saranno studiati ad hoc dal guru dell’interior design Deborah Berke.
Interamente realizzato in acciaio e vetro, nei suoi 96 piani ci saranno anche un ristorante privato, una Spa, una piscina, un teatro, un cinema, un giardino all’aperto, un centro sportivo dotato di sauna, bagno turco e sale trattamenti, una libreria, una lounge, una sala biliardo, un’area giochi per i bambini e una sala riunioni.
Alcuni degli appartamenti del grattacielo più alto di New York, il 432 Park Avenue, sono già stati prenotati da acquirenti alquanto benestanti: cittadini statunitensi, seguiti da sudamericani, mediorientali, inglesi, cinesi e russi.
Insuperabile la vista che si godrà dalle abitazioni del 432 Park Avenue, grazie non solo all’altezza del grattacielo più alto del mondo, ma anche alle ampie finestre 3×3.
I piani più alti, compreso il super attico di oltre 700 metri quadrati di superficie del nuovo grattacielo più alto di New York e dell’emisfero occidentale, godranno di una vista da far invidia all’Empire State Building, in cui lo sguardo si perde fino ad abbracciare non solo la città intera e il fiume Hudson, ma addirittura sino all’Oceano Atlantico.