Film da Oscar da non perdere al cinema questa settimana

I consigli cinematografici di questa settimana non potrebbero essere più azzeccati.

I consigli cinematografici di questa settimana non potrebbero essere più azzeccati.

Due dei film presenti in sala sono in corsa per gli Oscar 2014 che si svolgeranno la notte del 2 marzo: Dallas Buyer Club ha collezionato varie nomination tra cui miglior film, miglior attore protagonista per Matthew McConaughey e miglior attore non protagonista per Jared Leto, miglior sceneggiatura originale e miglior montaggio. I segreti di Osage County, invece, si porta a casa due nomination grazie alla performance di Meryl Streep, candidata come miglior attrice protagonista e a Julia Roberts come miglior attrice non protagonista.

Dallas Buyer Club di Jean-Marc Vallée

Ron Woodroof (Matthew McConaughey) è un elettricista texano che vive, sullo sfondo degli anni Ottanta, secondo la religione del “vivi ogni giorno come se fosse l’ultimo”, abusando di droga, alcol e sesso occasionale. Quando però scopre di aver contratto l’HIV, la nuova peste nera, il suo domani potrebbe veramente essere l’ultimo giorno su questa terra. Inizia, così, il suo calvario alla ricerca di medicinali che allunghino la sua prognosi di “30 giorni di vita”, che finirà per portarlo in Messico alla ricerca di cure alternative, più efficaci, ma non approvate negli Stati Uniti. All’epoca, infatti, l’AIDS era più diffusa tra gli omosessuali e per questo veniva considerata dai cattolici come la giusta punizione divina per le persone che vivono una vita fuori da ciò che era comunemente considerata la normalità. Ma Ron non si arrende e inizia a contrabbandare i farmaci messicani per rivenderli a chi ne ha bisogno, nonostante lo Stato gli stia alle costole per il reato che sta commettendo.

I segreti Di Osage County di John Wells

Le donne della famiglia Weston, dopo anni passati lontane le une dalle altre, sono costrette a ritrovarsi nella casa materna nel Midwest, in occasione di una crisi familiare. La madre (Meryl Streep) è incline all’uso di farmaci, è affetta da cancro alla lingua ed è la classica figura di mater familias ingombrante e sputasentenze, tanto che non ci si meraviglia che le figlie manchino da casa da un bel po’.
Le figlie, invece, rispettivamente interpretate da Julia Roberts e da Juliette Lewis, hanno due caratteri contrastanti: la prima si è staccata dalla famiglia per potersi costruire una vita più equilibrata ma torna all’ovile con un matrimonio in rovina e una figlia adolescente da gestire, mentre la seconda salta da una relazione all’altra e la stabilità non l’ha ancora trovata.
La storia originale è tratta da uno spettacolo teatrale di Tracy Letts che, in quanto sceneggiatrice del film, ha provveduto a riadattarlo per il grande schermo.

Giada Toso
Dal Blog In their Clothes