Eataly Chicago

Eataly apre a Chicago

Sono passate poche settimane dall’inaugurazione del secondo Eataly degli States a Chicago.

Sono passate poche settimane dall’inaugurazione del secondo Eataly degli States a Chicago.

Dopo il successo del megastore Eataly di Manhattan a New York, Eataly, il brand sinonimo del made in Italy e del buon cibo italiano nel mondo, apre il suo secondo punto vendita negli Stati Uniti. Da qui, dalla capitale dell’Illinois, parte la nuova sfida dell’impero Farinetti: diffondere la cultura alimentare italiana, con la formula Eataly che si è rivelata fino ad ora vincente.
Per Francesco Farinetti, Chicago potrebbe bissare il successo di New York: «Il ristorante della grande mela quest’anno aumenterà i ricavi del 7%, a 80 milioni di dollari dai 60 di due anni fa: abbiamo sempre tantissima gente e se avessimo più spazio fattureremmo di più. In questi tre anni però siamo stati bravi a velocizzare il servizio». E le cifre parlano chiaro: il fatturato del 2013 di Eataly si è attestato intorno ai 300 milioni di euro, ovvero il ovvero il 30% in più del 2012, e nuove aperture sono programmate in America, Londra e Parigi.
Fra i partner di Eataly Chicago c’è Lavazza, che propone nella sua Caffetteria di Chicago, arredata secondo i criteri di sostenibiltà seguiti dall’azienda e sviluppati nel progetto ¡Tierra!, l’intera gamma dei suoi prodotti: miscele espresso, filtro, cappuccino, cialde e un ventaglio di proposte di bevande studiate per piacere ai clienti stranieri ma soprattutto agli italiani D.O.C.

In questo nuovo spazio, inoltre, Lavazza promuoverà una serie di seminari e laboratori, condotti dagli esperti Lavazza e rivolti a professionisti e appassionati, per scoprire segreti e benefici del caffè.
Eataly Chicago ospita anche un Nutella bar che sta facendo impazzire gli americani. Si tratta di un bar dove i clienti, rigorosamente in piedi, possono ordinare “piccoli spuntini” a base di crema di nocciole, come ad esempio crepe e pane tostato.
Non può mancare un ristorante, Baffo, con 65 posti a sedere, tovaglie bianche, menù con pasta fresca, salumi e altri prodotti tipici italiani.

A metterci la faccia, e i fondi, nel nuovo megastore Eataly a Chicago non è solo Farinetti, ma soprattutto il famoso Joe Bastianich e lo chef Mario Batali, che controllano il marchio negli Usa.