Manuale dello chef di Claudio Sadler

Il Manuale dello Chef di Claudio Sadler

Ecco un regalo di Natale perfetto per chef in erba o aspiranti tali: il Manuale dello Chef di Claudio Sadler.

Ecco un regalo di Natale perfetto per chef in erba o aspiranti tali: il Manuale dello Chef di Claudio Sadler.

Tra parenti e amici c’è sempre chi ama cucinare e, magari, sogna un giorno di diventare uno chef acclamato: per fare pratica, potreste decidere di regalare loro l’ultimo volume di Claudio Sadler, Manuale dello Chef di Giunti Editore.
Il Manuale dello Chef di Claudio Sadler è, prima di tutto, uno strumento prezioso per avvicinarsi all’alta cucina, carpendo segreti e consigli di uno dei più grandi chef italiani, questa volta in veste di docente, pronto a insegnare tecniche, svelare l’importanza dei giusti strumenti e insegnare qualche ricetta stellata.
Con grade chiarezza, in 120 sequenze fotografiche step-by-step appositamente realizzate nella sua cucina ”stellata”, sarà proprio Sadler stesso a insegnarci quanto è necessario conoscere per scegliere e valorizzare gli ingredienti: carni, pesce, crostacei e verdure sono in Manuale dello Chef lavorati caso per caso, per tipologie diverse, in dettagliate sequenze di taglio, pulizia e preparazione. Sempre al suo fianco riconsideriamo e ottimizziamo le diverse tecniche di cottura, che si tratti di bollire, sbianchire, friggere, brasare, glassare o cuocere in forno a bassa temperatura…
Passiamo poi alle ricette di base presenti nel Manuale dello Chef di Claudio Sadler: dagli impasti alla sfoglia ripiena, quindi le salse fondamentali e ancora qualcosa sui fondi di cottura.
Finalmente è il momento di testare le competenze acquisite, sempre a fianco del nostro Chef, su un ricettario di oltre 60 preparazioni da lui appositamente ideato.
Nell’ultima parte del Manuale dello Chef di Claudio Sadler è tempo di provare a costruire un diverso menu per le più varie occasioni, equilibrando le portate in un disegno armonico d’insieme: che si tratti di un brunch o di un pranzo formale, di un affollato buffet o di una cena più sofisticata, magari per due commensali soltanto.
Infine, inaspettatamente, ci troviamo ad accompagnare Sadler nel suo regno, per un gustoso back-stage dove ci illustra l’attività della sua splendida brigata di cucina e ci consente di seguirlo passo passo mentre per noi concepisce e realizza un menu originale in sei portate.