Gita fuori porta con visita ai giardini di Castello Quistini

Chi l’ha detto che in Autunno bisogna rinchiudersi dentro casa? Ci sono luoghi che, in questa stagione, acquistano un fascino e una bellezza senza eguali.

Chi l’ha detto che in Autunno bisogna rinchiudersi dentro casa? Ci sono luoghi che, in questa stagione, acquistano un fascino e una bellezza senza eguali.

Come, per esempio, il Castello Quistini di Rovato nel cuore della Franciacorta. Terra di vini e giardini.
E infatti, al Castello Quistini si viene innanzi tutto per ammirare le splendide e inaspettate fioriture di inizio Autunno, oltre che per visitare le sale affrescate della bella magione cinquecentesca.

Nel giardino botanico del palazzo nobiliare, ogni domenica (da Settembre a fine Ottobre) ci si perde tra labirinti di rose antiche, moderne e inglesi, varietà rare di piante aromatiche e frutti antichi come il biricoccolo, frutto molto succoso che nasce dall’incrocio tra l’albicocco e susino.

Se credete nel beneficio che la natura offre al nostro equilibrio psicofisico, allora dovete soffermarvi nel Giardino Bioenergetico del castello: realizzato nel 2004 ad opera dell’eco designer Marco Nieri e l’Arch. Chiara Odolini, a un primo sguardo potrebbe sembrare un semplice giardino, invece, nasce da un approfondito studio della relazione elettromagnetica che si può verificare per risonanza tra la biosfera locale, l’uomo e le piante.

Tra le splendide fioriture di rose autunnali si potrà ammirare (e anche acquistare) Rhapsody in Blue, dal nome di una delle più famose composizioni musicali di Gershwin, una delle rose rifiorenti più particolari grazie al suo colore che tende al viola.
Continuando il percorso open air ci si ritrova nel “brolo”, nelle zone bresciane considerate l’area produttiva della casa, dove sono stati reinseriti molti frutti antichi o abbandonati, come il nashi, il fico brogiotto, il pero cotogno.

Il tour è intitolato “Tra rose, storia e leggenda” e l’ingresso a pagamento prevede una mappa con la descrizione di tutti gli angoli verdi, vere oasi di pace immerse tra i profumi di centinaia di fiori.
A Castello Quistini  è presente anche un’azienda agricola dove si possono acquistare tutte le rose e varietà botaniche incontrate lungo il percorso.