Bling Ring di Sofia Coppola – il film da non perdere questa settimana

Sono molte le nuove uscite cinematografiche della settimana. E poi c’è “lui”: basta quel film che aspettiamo da tempo a farci correre al cinema con il fidanzato o gli amici, trasformando una normale serata cinematografica in un evento glamour.

Sono molte le nuove uscite cinematografiche della settimana. E poi c’è “lui”: basta quel film che aspettiamo da tempo a farci correre al cinema con il fidanzato o gli amici, trasformando una normale serata cinematografica in un evento glamour.

Sapete a cosa mi riferisco, vero?

Bling ring di Sofia Coppola

Sono mesi che lo aspettiamo. Fin dall’annuncio iniziale e dalle prime immagini di Bling Ring è scattato il tam tam su tutti i media, come è successo con tutti i film di Sofia Coppola dopo le Vergini Suicide. Sarà per i temi trattati (l’indagine del periodo adolescenziale), sarà per i toni e i colori dei suoi film, ma credo che tutte le/i ragazze/i tra i 18 e i 34 anni con un minimo di cognizione cinematografica non vedano l’ora di vedere questo film. Poi chissà, magari si rivelerà un flop (ma speriamo di più in una sorpresa gradita).
Per chi ancora non la sapesse, la trama si sviluppa a Los Angeles e ha come protagonista un gruppo di adolescenti ossessionati dalla vita delle celebrities e dal loro stile. La loro ossessione però si spinge a tal punto che iniziano ad individuare le abitazioni delle star (tra cui Paris Hilton, Lindsay Lohan e Orlando Bloom), le loro abitudini e spostamenti, al fine di intrufolarsi e rubare i loro effetti personali: borse, scarpe, vestiti griffati e accessori di grande valore.
Lo scalpore che il film porta con sè deriva dal fatto che la storia si basa su fatti realmente accaduti e dalla presenza di Emma Watson che, smessi i panni di Hermione Granger in Harry Potter, si è trasformata per la Coppola in una vera bad girl.

 

Lo sconosciuto del lago di Alain Guiraudie


La riva di un lago si trasforma d’estate in un luogo di ritrovo per incontri casuali tra omosessuali.
Tra i frequentatori del posto c’è il giovane Frank che ben presto si innamora dell’uomo più desiderato della spiaggia, Michel. E anche quando Frank scoprirà un segreto sconvolgente che coinvolge Michel in un omicidio, il desiderio continua a prevalere.
Contrariamente a ciò che può sembrare, Lo sconosciuto del lago non è un film che vuole scioccare le masse con il tema dell’omosessualità ma si presenta come un thriller, seppure faccia parlare di sé per due scene piuttosto esplicite che possono confondero lo spettatore sul vero intento del regista.
L’opera vinse il Premio della giuria al Festival di Cannes nella sezione Un Certain Regard e verrà proiettato nei cinema italiani con un divieto ai minori di 18 anni.

 

Giada Toso
Dal blog In their Clothes