Oslo, la mostra per i 150 anni di Munch

Visitare Oslo in occasione dei 150 anni dalla nascita di Eduard Munch

Sono passati 150 anni dalla nascita di Eduard Munch, il grande pittore norvegese autore tra gli altri del famoso “L’Urlo”.

Sono passati 150 anni dalla nascita di Eduard Munch, il grande pittore norvegese autore tra gli altri del famoso “L’Urlo”.

Oslo, la sua città natale, lo festeggia con un programma fittissimo di eventi, mostre, appuntamenti, celebrazioni particolarmente intenso durante il periodo estivo.
Munch è tra i maggiori interpreti della pittura simbolista, che tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento esasperò con la ricerca di una pittura che affrontò temi tanto cari alla psicanalisi (vita, amore, paura, morte, malinconia e ansia) con uno sguardo spigoloso e spesso impietoso, amplificato dall’utilizzo di colori accesi, violentemente cromatici.

Fu a Oslo che Munch crebbe, si formò come artista e trascorse gli ultimi anni della sua vita ed è nella capitale norvegese che è ancora oggi conservata larga parte della produzione artistica del pittore, incluse le sue opere più famose.

Il legame dell’uomo con la sua città era così forte e reale che fu lo stesso Munch a lasciare nel suo testamento d’artista del 1944 tutte le opere in suo possesso al Comune di Oslo, che le raccolse nel Museo Munch, inaugurato nel 1963, dopo molte discussioni, nella zona di Tøyen, nella parte est di Oslo, vicino alle strade dove il pittore visse da adolescente.

Proprio da qui prende vita l’evento più importante delle celebrazioni, la grande mostra personale “Munch 150” aperta fino al 13 ottobre.

In realtà si tratta di due mostre, una ospitata alla Galleria Nazionale che comprenderà le opere eseguite dal 1882 al 1903, l’altra al Munch Museum con le opere degli anni seguenti, dal 1904 al 1944 (qui si può anche ammirare la versione più conosciuta de “L’Urlo”, che ebbe numerose versioni, risalente al 1893).


Altre opere del celebre artista si ammirano nella Freiasalen, l’antica fabbrica di cioccolato Freia, il cui direttore chiese a Munch, nel 1920, di decorare una delle tre sale mensa con 12 dipinti, noti come Freia-frisen.
Un’altra opera di Munch è conservata invece nella piazzetta al piano terra del centro commerciale Paleet: è il celebre dipinto di Karl Johan, probabilmente risalente al 1885, una delle prime opere del giovane Munch, raffigurante le facciate degli edifici di Karl Johans gate.

L’occasione culturale è ghiotta per un viaggio a Oslo, bellissima città dal fascino nordico situata nella parte più interna dell’ dell’Oslofjorden (Fiordo di Oslo): più di 40 isole facilmente raggiungibili dal centro con traghetti pubblici circondate da colline, montagne e foreste e oltre 343 laghi.

In città si può anche seguire un tour che ripercorre i luoghi tanto cari a Eduard Munch e che ispirarono i suoi dipinti: alcune tele sono ambientate in Karl Johans Gate, tuttora il centro vitale della città; altre invece, come il celebre “Urlo”, rappresentano la parte più interna dell’Oslofjord, colto nella sua essenza poetica ed espressiva. Dalla collina Ekeberg (Ekeberg-høyden) dall’altra parte della città, si può ammirare la stessa vista panoramica che inspirò Edvard Munch per “Skrik” (L’Urlo). Senza dimenticare un tour per le vie di Grünerløkka, il quartiere dove Munch visse da ragazzo.

Da qui è possibile fare una passeggiata fino al cimitero Vår Frelsers Gravlund, dove Munch è sepolto. Lungo il cammino si incontrano le suggestive casette in legno di Telthusbakken, che Munch ha dipinto varie volte mentre abitava nella vicina Fossveien.

Per una pausa, è d’obbligo scegliere il Grand Café, inaugurato nel 1874 in Karl Johan (la via fu ritratta nel celebre quadro “Sera in Karl Johan” del 1892). Il caffé propone per le celebrazioni menù dedicati all’artista, che era solito frequentare questo locale, molto amato dagli intellettuali dell’epoca.

Il giovane pittore aveva il suo atelier in affitto nel vicino palazzo Pultosten, nella Piazza del Parlamento e qui veniva spesso consigliato dal pittore Christian Krohg.
Poco distante da Karl Johan Street si trova un hotel di charme, dal grande fascino nordico e dagli interni piacevolmente borghesi, il Clarion Collection Hotel Bastion, perfetto per raggiungere facilmente tutte le mete interessanti di un viaggio a Oslo dedicato a Eduard Munch.