Milano Mixology Style: i nuovi cocktail della movida milanese

Milano, città dell’aperitivo in stile conviviale e patria dell’ormai nazionale Negroni Sbagliato (creato nel Bar Basso negli anni sessanta) grazie all’abilità e alla creatività di sapienti bartender, presenta le novità da assaporare.

Milano, città dell’aperitivo in stile conviviale e patria dell’ormai nazionale Negroni Sbagliato (creato nel Bar Basso negli anni sessanta) grazie all’abilità e alla creatività di sapienti bartender, presenta le novità da assaporare.


Per poter fornire la miglior selezione di locali dove è possibile bere cocktail di buona fattura e varianti innovative, Viviconstile ha visitato alcuni dei locali della movida milanese, andando a scovare il miglior modo di godere dell’ormai immancabile happy hour e del gusto di bere sempre qualcosa di invitante e di nuovo. Creatività, innovazione e professionalità sono le parole chiave anche dei ragazzi di Jet Set Bartender, società di bar entertainment di cui Alessandro, Altin, Loris e Michele sono fondatori. I quattro amici hanno lavorato alla creazione e rivisitazione di ricette per mix gustosi e oggi sono pronti a far assaggiare le loro nuove sperimentazioni, cocktail freschi e adatti ad ogni esigenza.

Ho tenuto compagnia ai ragazzi per una serata, cercando di scoprire perché le loro creazioni rappresentino uno stile di mixology davvero innovativo.

Il viaggio alla ricerca dei nuovi gusti è partito da un mix molto noto e di semplice realizzazione: il vodka sour. Il cocktail che arriva al tavolo debitamente ornato non pare essere diverso dai tanti che si possono trovare nei menù di molti locali: si presenta infatti nel suo colore neutro, sprigionando un forte profumo di limone. Ma, inatteso, ecco un lieve aroma di vaniglia che stuzzica la curiosità: Loris mi invita ad assaggiarlo prima di conoscere il segreto nascosto nel nostro vodka sour. Il gusto deciso e agre del cocktail originale non tradisce un’ottima preparazione, ma subito dopo un inatteso sapore risveglia i sensi. Il mix non affievolisce il sapore del cocktail, deciso e forte di natura, ma riesce a esaltare una nota dolciastra e coinvolgente… vaniglia. Il segreto? Nello zucchero!

Per meglio degustare questo cocktail vi consigliamo di lasciare riposare qualche minuto il tutto per permettere alle due anime di miscelarsi armoniosamente.

Ancora, per i tradizionalisti dell’aperitivo, i ragazzi di Jet Set Bartender offrono una serie di gustose rivisitazioni del cocktail pestato più ordinato d’Italia: il Mojito. L’arrivo delle calde temperature primaverili risvegliano la voglia di sapori freschi e dissetanti ed ecco quindi apparire sul menù la variante alla mela verde: il dolce aroma del frutto del peccato trasforma in colpa l’astensione dall’assaggio! 

Un’altra idea per i più golosi è l’Honey Mojito: per quelli che non possono fare a meno del dolce nettare color oro, neppure per addolcire il caffé, ecco una rivisitazione degna di nota.

Entriamo nel vivo della serata e della degustazione. Si presenta al nostro tavolo Loris a illustrarci la prima delle ricette “segrete” ideate per questa nuova stagione alle porte. Il bicchiere che viene posato davanti a noi ha decisamente un colore curioso. I toni caldi del rosso e dell’arancio donano al cocktail un carattere misterioso, un vero e proprio sipario che si apre su un palcoscenico di sapori inaspettati. Al primo sorso si viene catapultati sensorialmente in un suk nel centro di Marrakesh, dove le numerose bancarelle di spezie colorano e profumano le strade di una città di commercio e scambio.

Un forte aroma di zafferano cattura e strega esaltando il sapore intenso del liquore di base, speziato e leggermente dolciastro. All’ultimo sorso si torna alla realtà dove le calde terre del deserto e l’arancione del sole lasciano spazio a un ricordo più tangibile, quando il milanese doc o d’adozione ricorda il più classico sapore locale, un sapore lontano che riscopre in Milano la sua dimora italiana: lo zafferano, dolce e pungente. Per poter provare questo turbinio di sensazioni, basta ordinare dal menù il Golden Dawn, una novità aromatica e stranamente… locale.

Dando un’accurata occhiata al menù, un nome in particolare mi fa pensare a qualcosa di setoso e delicato, per questo chiedo di provare il Velvet Martini, una scelta sicura per chi apprezza i gusti soavi e morbidi. Il cocktail si rivela un mix profumato di ingredienti di rimando esotico che creano sapori caldi e avvolgenti.

Se invece vi alletta un turbinio di colori e sapori, ecco il gustoso Nagasaki Sunburst, una bevanda color mela con un forte profumo di arancia che vi lascerà esterrefatti. All’assaggio un secondo momento di stupore, per il sapore fresco e stuzzicante. L’aroma agrumato e il mix fruttato rende questo cocktail dolce e leggero nonostante la base alcolica sia demandata allo storico liquore inglese, duro e penetrante. Il Nagasaki Sunburst si adatta perfettamente ai climi estivi della calda Milano.

Prima di salutarci, i ragazzi di Jet Set Bartender, che continuano ad ampliare il loro menù con nuovi mix, ci offrono un cocktail ancora in sperimentazione. Se come me adorate la spruzzata di cannella sul cappuccino al mattino o se l’amore per l’amaretto è in grado di rapirvi, troverete questa bevanda sublime.

Al momento, i cocktail presentati sono elencati nel menù di Ubar, un nuovo locale nei pressi di Corso Como, nel cuore della movida milanese.

Veronica Bernardi