Nasce la Fondazione Italia Patria della Bellezza

Presentata a Milano, Fondazione Italia Patria della Bellezza si pone la missione di definire e sostenere l’identità Competitiva dell’Italia per contribuire al rilancio del Paese.

 

 

Una missione di tutto rispetto e, soprattutto, più ardua di quanto di pensi, visti i dati presentati da Fondazione Italia Patria della Bellezza sul panorama nazionale: “L’Italia piace poco agli Italiani. Secondo l’ultima ricerca del Reputation Institute solo il 50,6% degli Italiani ha una buona considerazione del proprio Paese, contro il 65,8% degli stranieri che ne ha invece una opinione positiva. L’autostima degli italiani ha dunque un valore pari a -15,2%: dato interessante se confrontato con il valore corrispondente delle cosiddette “Tigri del PIL”: India (+30,4%), Cina (+27,2%), Corea del Sud (+17,5%). La fiducia dei cittadini sembra essere determinante per la crescita di una nazione, ma il nostro è un Paese straordinario che non sa più di esserlo.” Ricorda Maurizio di Robilant, fondatore e presidente della Fondazione.

Esperto di marca e punto di riferimento del branding in Italia, Maurizio di Robilant inizia a lavorare al progetto nel 2013 chiamando attorno a sé un gruppo di partner e professionisti di diversa estrazione che concorrono alla messa a punto dell’idea e alla costituzione della Fondazione: Andrea Illy, Presidente della Fondazione Altagamma e Ceo di Illycaffè; Diego Visconti, Presidente della Fondazione Italiana Accenture; il giornalista e sociologo Giovanni Lanzone; Paolo Anselmi, Vice-Presidente della società di ricerca GFK; Marco Fanfani, Ceo di TBWA Italia; Matteo Farneti, Fondatore dell’associazione Milano Forward; Edoardo Andreoli, Avvocato associato dello Studio Chiomenti; François de Brabant, Presidente BU Between, gruppo Ernst & Young.

Alla nascita della Fondazione concorrono, inoltre, importanti attori del panorama nazionale - Fondazione Altagamma, Camera Nazionale della Moda Italiana, Cosmetica Italia, Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, Fondazione Ernesto Illy, Touring Club Italiano, Associazione Nazionale Città dei Motori – tutti diventati Promotori della Fondazione.

La Fondazione si pone la missione di definire e sostenere l’Identità Competitiva dell’Italia per contribuire al suo rilancio, trasformando lo straordinario potenziale di Bellezza che essa possiede in una risorsa strategica di sviluppo, capace di orientare le politiche economiche e sociali del Paese. Per fare dell’Italia la Patria della Bellezza.

La Bellezza ha per gli Italiani un valore che va ben oltre il solo senso estetico: è parte indissolubile del loro patrimonio identitario, è storia, cultura e territorio, ma anche ricerca scientifica e avanguardia tecnologica, qualità dei prodotti e creatività progettuale. A ciò si aggiungono la ricchezza del patrimonio agroalimentare, la capacità di costruire relazioni empatiche e l’eccellenza della manifattura. Una irripetibile pluralità che determina, nel suo insieme, quello “stile di vita” che il mondo intero ci invidia.

Nel concreto, l’attività della Fondazione si esplica nell’ideazione e nel coordinamento di progetti volti al potenziamento dell’identità competitiva del Paese, tramite azioni che si sviluppano lungo alcune direttrici principali: Misurare, Educare, Sviluppare e Promuovere. In queste aree la Fondazione lancerà per il 2015 una serie di progetti, alcuni già avviati, che includono scuola, ricerca, impresa, turismo e made in Italy e, non ultimo, il marchio di promozione del Paese “Italia Land of Beauty”.
La Fondazione opera come una piattaforma progettuale aperta che aggrega, da un lato, le Istituzioni della società civile che già operano a vario titolo nella direzione della valorizzazione del patrimonio italiano e, dall’altro, la migliore Imprenditoria del Paese, con l’obiettivo di attivare un meccanismo virtuoso di contaminazione e accelerazione del processo di rilancio del Paese.

 

 

Condividi su Facebook