Le isole più belle della Grecia

Una vacanza da sogno tra le isole più belle della Grecia, selezionate dalla Redazione di Viviconstile.

 

Creta, la regina delle isole greche

 

Creta, la più grande delle isole greche nel Mar Egeo meridionale, è la meta perfetta per chi, in estate, non sa fare a meno del mare, ma ama anche le vacanze culturali. Vicina all’Italia e comoda da raggiungere in meno di tre ore di volo, Creta si è meritata l’appellativo di Grecia Polinesiana, per la bellezza delle sue acque cristalline e per le spiagge, piccole o grandi calette da scoprire giorno dopo giorno. Dopo essere sbarcati a Iraklio, la più grande città di Creta, luogo non privo di fascino (che unisce tesori archeologici e strade pittoresche a una costa variegata lambita da acque trasparenti), ma forse un po’ troppo caotico e trafficato se siete alla ricerca di una vacanza di mare e relax, prima di raggiungere mete meno urbane, vale la pena di visitare il Palazzo di Cnosso, che della civiltà minoica è uno dei simboli più antichi e potenti.
Situato a sud-est di Iraklio in una zona bellissima, è un complesso architettonico prodigioso, dimora del mitico re Minosse, legato alla leggenda del labirinto del Minotauro e del filo di Arianna.
Se, invece, amate le vacanze lontano dalle rotte più battute, la costa ovest di Creta farà per voi.
È un’isola antica, bucolica, dove gli anziani giocano a carte nelle kafenion, mentre i pescatori rammendano lenti le loro reti. Si vive la vita dei borghi bianchi, si partecipa alle feste religiose nelle piccole chiesette a picco sul blu del Mar Egeo, si mangia nelle taverne il cibo semplice che viene dal mare e i formaggi di capra conservati nei cestini di vimini intrecciati a mano.
È una vacanza che ha il ritmo indolente delle caldi estati cretesi, una vacanza che si concilia con la voglia di vivere. Il mare più intenso è quello della laguna di Balos, considerata tra le cento spiagge più belle del mondo.
Da visitare, Chania, capoluogo della costa ovest di Creta: una cittadina molto caratteristica, con una storia scritta da arabi e crociati, santi e mercanti, ottomani, veneziani e bizantini. E lo si vede nei muri e nelle costruzioni che si possono visitare in città: chiese e moschee, palazzi nobiliari e le vivaci kafenion dove si gioca a tavli, variante greca del backgammon.

 

L'arcipelago del mito: le isole della Grecia Ionica da scoprire in barca a vela

 

Verdissime, ricoperte di boschi e puntellate di ulivi, le isole della Grecia Ionica sono la meta ideale per una crociera in barca a vela, arcipelago del mito dove vivere finalmente al rallentatore, su spiagge sconosciute ai vacanzieri, alla scoperta dei piccoli villaggi bizantini, cullati dalla brezza gentile del Mediterraneo.
A ridosso della costa occidentale della Grecia, le isole Ionie si differenziano dalle altre isole della terra degli dei e degli eroi: non assomigliano alle loro sorelle dell'Egeo né a Creta.
Le alture montuose che dominano il mare Ionio sono ricoperte di foreste, luoghi fertili, punteggiati di ulivi e vigneti, verdeggianti di pascoli erbosi e meravigliose insenature marine.
Sono isole generose di acqua e di vita, che hanno ospitato potenti regni e ricche città, la cui storia e grandezza è ancora visibile nelle architetture e presente nella memoria degli abitanti.
Una vacanza in barca a vela alla scoperta delle isole greche del Mar Ionio è il viaggio ideale anche per chi è alla prima esperienza di navigazione: lo Ionio è il Mare Nostrum per eccellenza, accogliente, bello da navigare perché percorso da venti costanti e tranquilli, con numerosi approdi e rade dove fermarsi per un bagno o per la notte.
Le sette maggiori Zante, Itaca, Corfù, Cefalonia, Lefkada, Cerigo e Paxos, sono affiancate dalle isole più piccole, ma altrettanto belle, di Antipaxi, Erikousa, Mathraki, Othoni, Meganisi e dal gruppo delle isolette deserte delle Strofadi a sud di Zante, oltre che da un’infinità di scogli emersi.
.

 

Cipro, l'isola di Afrodite

 

È la terza isola del Mediterraneo, dopo Sardegna e Sicilia, occupata per circa i due terzi dalla superficie dalla Repubblica di Cipro (da 2004 parte dell'Unione Europe) e, nella parte rimanente del territorio (la zona settentrionale) dalla Repubblica Turca di Cipro Nord.
Anch’essa ben collegata con l’Italia: solo tre ore di viaggio grazie a Cyprus Airways che assicura voli diretti da Milano Malpensa e da Roma Fiumicino per Larnaca e durante l’estate grazie a voli speciali per Cipro Nord con partenze da Bergamo, Rimini e Roma (via Bodrum) fino all'aeroporto di Ercan.
L’isola che diede i natali ad Afrodite, la dea della bellezza, è un vero paradiso nel cuore del Mediterraneo: baciata dal sole per quasi 300 giorni all'anno, con un clima (caldo da ottobre ad aprile inoltrato) ideale per scoprire le sue coste premiate con ben 56 spiagge Bandiera Blu, ma anche le città e i villaggi rurali, i promontori con splendidi panorami di rocce di un bianco accecante che si gettano nel mare.

Il mito di Afrodite a Cipro si respira nell’aria, così come nelle leggende che raccontano le baie più belle dell’isola: Bagni, per esempio, nella splendida penisola di Akamas, dove si snodano itinerari escursionistici tra una natura rimasta ancora intatta.
E poco più a sud, sulla costa occidentale, tra i borghi di Pafos e Limassol, dove si trova Petra tou Romiou: qui la dea dell'amore e della bellezza sarebbe nata dalla spuma di mare.
A poca distanza, merita una visita il sito archeologico di Kourion, in posizione spettacolare a ridosso di una scogliera sul mare. Nella suggestiva cornice del teatro Romano si può assistere alle rappresentazioni del teatro greco.
Le spiagge più belle di Cipro si trovano sulla costa orientale: sabbia bianca e acque turchesi, con insenature ideali per le immersioni.
La costa meridionale si distingue per le sue lunghe spiagge di sabbia grigia: imperdibile è Agia Thekla, a ovest del centro di Agia Napa, che prende il nome dalla vecchia chiesetta situata nelle vicinanze.
Altre spiagge famose sono quelle di Coral Bay a Pegeia, Aphrodite Beach ad Agios Tychonas e la spiaggia Phinikoudes al centro del litorale di Larnaka, una delle più famose di tutta Cipro.
Ma Cipro è anche natura, è un’isola verde, la più ricca di boschi e foreste in tutto il Mediterraneo: ecco perché il modo migliore per conoscerla è a piedi, con lunghe passeggiate immersi nella natura. Gli agrumi, arance e pompelmi, sono i protagonisti del paesaggio della regione di Lemesos, mentre i cosiddetti “villaggi dalla terra rossa” (Kokkinochoria in greco) nella zona sud orientale sono considerati l’orto di Cipro grazie alla fiorente produzione di ortaggi come pomodori, patate, melanzane, cipolle ecc. Nella zona nord-ovest invece crescono fichi e melograni e a sud est le banane, frutti tropicali e avocadi.
In primavera e in estate, poi, Cipro è un immenso prato fiorito, dove crescono anemoni, narcisi, gladioli, iris, tulipani, papaveri selvatici, celidonie e ben oltre 52 specie di orchidee.

 

 

Ios, l’isola greca più giovane e le sue spiagge

 

Ios (o, come si traduceva una volta, Io), è una delle tante e meravigliose isole del mar Egeo, appartenente all’arcipelago delle Cicladi.
È una piccola isola (circa 109 kmq) brulla e rocciosa, situata tra Naxos e Santorini, con un paesaggio vario fatto di ampie spiagge sabbiose e scogli a picco sul mare.
Nella parte disabitata dell’isola si eleva Pyrgos, un monte di altezza considerevole (713 metri) dal quale forse trae origine il nome dell’isola, se è vero che Ios derivi da ion, che in greco significa pietra.
Per raggiungere l’isola dall’Italia si atterra in aereo sulla vicina Santorini e poi si prende il traghetto. Al porto, qualora non aveste ancora scelto dove soggiornare, una schiera di locali vi accoglierà urlanti con cartelli scritti a mano per proporre i propri studios (appartamenti) oppure hotel.
Una sola strada asfaltata, su cui il servizio bus è forse il più efficiente delle Cicladi (passano ogni 10-15 minuti), collega il porto di Ornos alle località balneari di Yalos e Mylopotas e al capoluogo Chora, situato su una collina da cui si gode uno splendido panorama.
Chora è una cittadina bellissima da visitare durante il giorno, camminando tra i vicoli stretti e le case con i tetti azzurri fino alla chiesa antica nel punto più alto della città. Alle dieci di sera qui inizia la festa. La pigra cittadina sonnecchiante si scatena nei pub e nelle discoteche, al ritmo di musica e di superalcolici, fino alle 3 del mattino. Ios è frequentata soprattutto da giovani anglosassoni sotto i 30 anni alla ricerca di avventura, tuttavia l’isola offre dei paesaggi naturalistici di straordinaria bellezza, e le spiagge di Ios valgono da sole una vacanza. Mylopotas, per esempio, è una lunga spiaggia di sabbia dorata e finissima che brilla al sole, servita e attrezzata; Manganaris, più tipicamente greca, è fatta di baie e piccole insenature; Koumbara, infine, è la spiaggia ufficiale dei nudisti.

 


Karpathos, che si specchia nel mare greco

 

Un'isola quasi dimenticata, nella cui forma un poeta inquieto degli anni Settanta riconobbe un pugnale; arsa dal sole, ventosa, dalle strade ripide e impraticabili. Come Rodi e Kos fa parte del Dodecaneso e si specchia nello stesso limpido mare.
Siamo parlando di Karpathos: un luogo della Grecia che non ci è apparso come terra d'invasione turistica, bensì oasi di ozioso rilassamento e pura vacanza.
Pigadia, la capitale, pur essendo un porto mercantile, può vantare acque pulite; le spiagge sono belle, soprattutto se ci si allontana dal centro.
Le acque più limpide sono quelle di Lefkos, sulla costa occidentale, e di Apella, a nord della capitale.
A Lefkos sarà indimenticabile la passeggiata sulle palafitte del porto, dove potrete sedervi in un bar e bere un caffé shakerato, o fermarvi al ristorante per scegliere il pesce fresco e poi farvelo cucinare.
Ad Apella il mare trasparente e la montagna superba vivono in armonia; e il turista resta incantato e pensa, davvero, ai canti di Omero.
Non perdetevi le gite in barca con i marinai abbronzati e rugosi: non appena sentiranno che siete italiani, con una squisita cortesia e grande educazione inizieranno una lunga chiacchierata sui parenti che vivono a Bologna, le città storiche e il calciomercato.

 

 

Isole del Dodecaneso

 

Se la Grecia è una delle mete più amate per le vacanze estive, le isole del Dodecaneso sono il luogo del mito per eccellenza, culla di eroi e patria di bellezze incontaminate, perfette da scoprire in barca a vela.
“L’arcipelago delle dodici isole” emerge dal blu del mare Egeo nella parte più a est della Grecia, di fronte alla costa della Turchia. Si tratta, in verità, di oltre 163 isole e isolotti, anche se molte di loro sono poco più che degli scogli: solo 26 sono abitate e le principali rimangono le magnifiche 12: Rodi e Kos, le più “famose”, e poi Astypalea, Kalymnos, Karpathos, Kassos, Kastellorizo, Leros, Nisyros, Patmos, Symi e Pserimos.

Una vacanza in barca a vela alla scoperta delle isole greche è il viaggio ideale anche per chi è alla prima esperienza di navigazione: l’Egeo delle isole del Dodecaneso è un mare accogliente, bello da navigare perché percorso da venti costanti e tranquilli, con numerosi approdi e rade dove fermarsi per un bagno o per la notte. Una crociera in barca a vela è un viaggio sicuro: le isole permettono infatti un facile e naturale riparo in caso di necessità.

Kos, sorella non più tanto minore di Rodi, è famosa per la sua vita notturna festaiola, anche se ha molto altro da offrire; Gyali, l’isola di vetro, di origine vulcanica, situata a metà strada tra la costa meridionale di Kos, è una cava di pomice a cielo aperto, ultimo lembo di terra emersa di un antico vulcano. E, ancora, lontana anni luce dal turismo dei grandi numeri, Tilos: una gemma di rara bellezza, che emerge dalle acque dell’Egeo proprio di fianco a Rodi. Enclave di australiani e americani di origine greca che tornano ogni estate, ha un approdo suggestivo al porto di Livadia. Poco distante dalle coste turche emergono invece la bella ed elegante Symi, l'isola delle spugne di mare, e la timida Lipsi, un solo paesino di pescatori di poco più di 700 abitanti, ritmi rilassati, clima mediterraneo, zero vita mondana e 36 km di costa che sono un susseguirsi di calette e baie a dir poco meravigliose.

 

 

Condividi su Facebook