Intervista a Simona Molinari – il nuovo album ‘Casa mia’

Dotata di un talento straordinario e di grande capacità scenica, l’elegante Simona Molinari, in gara al Festival di Sanremo nel 2013 con ‘La felicità’ in coppia con il bel Peter Cincotti, si riaffaccia sul mercato discografico con un nuovo album dal titolo ‘Casa mia’.

 

E proprio con questo gioiellino l’artista napoletana ritorna al primo amore, dopo anni di produzioni pop, interpretando magistralmente alcuni tra i più celebri standard del jazz.

Dieci i brani evergreen contenuti nel disco, suonati con la complicità de La Mosca Jazz Band e arricchiti dalla Roma Sinfonietta, l’orchestra sinfonica del M° Morricone.

Simona, come mai questa scelta?

“Nell’ultimo anno ho portato in giro per l’Italia il tour ‘Loving Ella’, interpretando i successi della strepitosa Fitzgerald, da qui l’idea di un album di standard. È stato un po’ come (ri)tornare a ‪‎casa, ripartire dall’amata colonna sonora della mia vita”.

Parliamo di queste dieci perle...

“Il disco, prodotto da Carlo Avarello, contiene alcuni classici molto amati dal pubblico, come ‘A Tisket a Tasket’, ‘Bewitched’, ‘Puttin’ on the Ritz’, ’Smoke Gets in Your Eyes’ e ‘Every Time We Say Goodbye’. Proprio cantando ’Smoke Gets in Your Eyes’ ha cominciato a frullarmi in testa lo storyboard del video che ho scelto di girare nella mia nuova casa milanese: io, i miei amati vinili, un antico grammofono acquistato in un mercatino romano. Ecco a voi il mio mondo”.

 

 

 

Un mondo fatto anche di cambiamenti recenti e importanti!

“Meravigliosi, vorrei aggiungere. Un compagno del quale sono innamoratissima e la nascita di Anita, la mia prima bimba. Quindi il trasloco, in una città caotica ma tutta da scoprire, che conoscevo solo per motivi professionali”.

Nel corso della carriera hai collaborato con artisti di fama mondiale come Al Jerrau, Gilberto Gil, Andrea Bocelli e cantato nei teatri, nei jazz club e nelle manifestazioni più importanti del mondo: come vinci l’ emozione del palco?

“Salgo e… passa la paura! Mi è capitato in trasferta di arrivare a destinazione afona, per via dell’aria condizionata spesso troppo alta su treni o negli autogrill e allora via, di tisane e di erisimo. Con l’esperienza mi sono resa conto però che, quando la voce deve funzionare, supera qualsiasi ostacolo”.

Parliamo della scaletta del tuo prossimo tour.

“Proporrò i pezzi del mio cd, più due brani estratti da ogni mio vecchio cd e alcuni estratti dallo spettacolo tributo a Ella. Sul palco, nella prima parte del concerto, mi affiancherà un Trio jazz, quindi arriverà un dj e infine un Quartetto d’Archi”.

Ci puoi anticipare qualche data?

“Il 5 marzo sarò al Teatro Verdi di Brindisi, l’11 e il 12 al Blue Note di Milano, il 16 al Teatro Bibiona di Sant’Agata Bolognese (Bologna), il 21 alla Chiesa Madonna della Pace di Molfetta (Bari), il 22 al Teatro Duni di Matera, il 23 al Teatro Orfeo di Taranto, il 13 maggio al Teatro Bellini di Napoli e il 16 maggio al Teatro Sistina di Roma. E mi concederò anche qualche tappa all’estero. Seguitemi sulla mia pagina di facebook: se vi farà piacere mi troverete spesso in diretta video, e chatteremo insieme”!

 

Sonja Annibaldi

 

 

 

Condividi su Facebook