Kitchen Society – jamoneria e sushi all’italiana a Milano

Il nome, Kitchen Society, è curioso e la location perfetta per far tardi la sera con stile: il nuovo bistrot milanese ha tutte le carte in regola per “piacere alla gente che piace”.

Nascosto in una piccola via privata dietro Piero della Francesca, Kitchen Society è un piccolo ristorante molto curato ricavato in quello che era uno storico negozio di anticaglie.
La ristrutturazione ha dato vita a un bistrot dal piglio mediterraneo, che ricorda un po’ i tapas bar di Siviglia (saranno i prosciutti appesi al soffitto), tanto legno bianco e una bella atmosfera, informale ma di classe. C’è anche un bel giardino che rende Kitchen Society un locale molto gettonato durante la bella stagione milanese.
E questo potrebbe sembrare tutto. Ma non è così, perché Kitchen Society riserva qualche (bella) sorpresa in più.
Innanzitutto non lasciatevi trarre in inganno dai numerosi Jamòn de Bellota appesi in bella vista all’interno del locale per pensare che Kitchen Society sia, solo, una jamoneria.

Per capirci: potrete gustare dell’ottimo Pata Negra, introvabile altrove a Milano, e molti piatti iberici, come “España 100%” con acciughe del Cantabrico, aioli e pan y tomate. Oltre alle degustazioni di Pata Negra, interessante anche il mini hamburger con prosciutto (ham), lattuga, maionese di pomodoro e crema di avocado.
Ma non solo. Perché Alex Seveso o semplicemente “Chef Alex” ama alla follia le contaminazioni e in questo nuovo ristorante milanese dall’aria spagnoleggiante stupisce tutti con il suo sushi all’italiana: sashimi di ricciola, orata fusion e caprese di tonno rosso, per esempio.
Anche i classici della cucina giapponese come uramaki e roll, vengono resi mediterranei con l’aggiunta di ingredienti tipicamente nostri, come l’olio extra vergine d’oliva, il basilico, i capperi, le olive…

E cambia anche la presentazione dei piatti: niente soia, wasabi e zenzero serviti a parte, ma portate servite già condite con emulsione di soia e olio extra vergine impreziositi da erbe aromatiche familiari a noi italiani.
 

 

 

Condividi su Facebook