7 modi di indossare il foulard

Se c'è un capo di abbigliamento davvero cortese con le donne, questo è il foulard. 

Il foulard ama tutte le donne: grasse, magre, alte, basse, rosse, bionde; non c'è tipologia di donna che non possa indossare un foulard.

Non come i leggings, che esigono gambe snelle.

O le minigonne che vogliono ginocchia belle.

Non come le gonne strette, fatte per chi ha fianchi perfetti; i jeans aderenti, per donne con fondoschiena che sfidano la forza di gravità; i tacchi a spillo per chi ha il piedino leggero e la caviglia che non si gonfia neanche in piena afa da Pianura Padana e attacco in massa di zanzare inferocite.

Niente di tutto questo.

Il foulard dona a tutte e arricchisce qualsiasi outfit, soprattutto se a tinta unita, perché con i foulard gli stilisti non hanno mai fatto economia: di colori, forme geometriche, richiami esotici, iniziali gigantesche, fauna e flora, trame, bordi e conchiglie.

Il foulard si compra anche su internet, tanto non è necessario provarlo, e anche di seconda mano, soprattutto se ha la griffe.

L'unica difficoltà del foulard è come indossarlo.
Ecco il perché di questa lezione di stile, in 7 pratici punti, su come indossare l'accessorio più amato di sempre.

 

1) morbido, fluente - se il nodo c'è, va nascosto sotto le onde della stoffa (preferibilmente seta).

Con un tubino nero, con una camicia chiara di lino, avvolto intorno al collo sopra la giacca da lavoro, il foulard dona eleganza e scioltezza a chi lo indossa.

 

2) non fate come Elisabetta II, che lo appoggia in testa e poi lo annoda sotto il mento come una contadina russa, perdendo ogni aura di regalità (meglio i cappellini, cara Elisabeth!)

 

3) per un risultato piuttosto informale si può ripiegare su se stesso lungo la diagonale fino a ottenere una striscia di circa 5-6 cm di spessore: lo si annoda esattamente al centro intorno al collo, e via! Dal nodo scenderanno due falde di uguale lunghezza. Va bene anche con i jeans e una maglia bianca, per le più sportive.

 

4) come una diva - Sofia Loren, Marilyn o Grace Kelly al volante di una cabriolet per le strade di Montecarlo: grandi occhiali neri e foulard in testa per ripararsi dal sole, ma a lei stava bene ogni cosa. Per chi vuole apparire.

 

5) stile anni Settanta: legato dietro la nuca come una bandana fa un po' piratessa, cosa che non dispiace a chi la moda non la segue, ma la domina.

 

6) e poi c'è chi il foulard lo mortifica per indossarlo solo contro il mal di gola, ridotto a una linea sottile come un cappio. La maggior esponente di questo stile di messa del foulard è stata Irene Pivetti ai tempi del suo mandato come presidente della Camera nel 1994.

 

7) qualcuna, ancora, lo indossa a scialletto, adagiandolo sulla schiena con la punta del triangolo rivolta verso il basso. Il foulard diventa così icona di castità e pudicizia e ricorda le fanciulle che all'uscita dalla chiesa toglievano il velo dalla testa per appoggiarlo sulle spalle. Stile adatto alle inguaribili nostalgiche.

 

E gli uomini?
Rigorosamente all'interno del collo della camicia. Altrimenti, meglio niente. La moda con gli uomini è sempre stata più severa.

 

Condividi su Facebook