Le lampade icone del design italiano

I grandi classici del design non stancano mai: li abbiamo visti praticamente dappertutto, eppure continuiamo a desiderarli e ad amarli, vere e proprie icone di stile che sanno mettere d’accordo tutti, esperti e non.

Gli amanti dell’arredamento di design sanno quanto la luce sia importante per definire lo stile di un ambiente, per decretarne il carattere e la bellezza. Ecco perché i più grandi maestri hanno rinunciato raramente a cimentarsi nella creazione di lampade, diventate spesso icone irrinunciabili per gli amanti del bello.

 

Lampada Atollo di Oluce

 

La lampada Atollo 233 non è più una lampada o, meglio, non è una semplice lampada.
È un mito, un'icona del design: uno dei simboli più famosi nel mondo del design, uno dei pochissimi prodotti che tutti riconoscono e chiamano per nome. Disegnata da Vico Magistretti nel 1977 per Oluce, nel 1979 vince il Compasso d'Oro e da allora entra a far parte delle collezioni permanenti dei maggiori musei di design, oltre che nell’arredamento di moltissime case di stile.
Con la sua struttura geometrica e scultorea, Atollo è una lampada che non passerà mai di moda: perfetta, essenziale, giocata su linee in equilibrio armonico. Impossibile non desiderarla. Impossibile imitarla.

 

Lampada Nesso di Artemide

 

Ha 50 anni e li porta divinamente, la celebre lampada Nesso di Artemide disegnata da Giancarlo Mattioli nel 1967.
Esposta nella collezione permanente del MoMa di New York, incarna lo spirito innovatore e anticonformista degli anni ’60 ed è senza dubbio una delle lampade più belle, semplici e iconiche della storia del design.
La sua caratteristica forma a fungo, col paralume che ricopre appena le fonti luminose, è in grado di ricreare un’atmosfera soft, perfetta per la camera da letto e la scrivania.
Il “mood giocoso” è assicurato dall’ampio diffusore sagomato ad ombrello realizzato, insieme alla base, in resina ABS nei colori bianco e arancione, stampati ad iniezione in stampi cromati.
Quattro lampadine nascoste assicurano l’emissione che avviene in maniera diretta e diffusa grazie all’effetto schermante del materiale plastico.
Il risultato complessivo è quello di una lampada da tavolo dalla forma divertente e familiare, ma elegante e moderna, se si considera l’anno di fabbricazione.
Il colore bianco è decisamente il più chic, ma non c’è niente che garantisca un viaggio indietro nel tempo come una lampada Nesso arancione.

 

Lampada Arco di Flos

 

Alzi la mano chi non conosce la lampada Arco dei fratelli Castiglioni. Impossibile, vero? Perché Arco di Flos è una delle icone del design più famose al mondo: una lampada che ha rivoluzionato il modo di fare luce, anzi, la forma stessa della luce.
Era il 1962 e fino ad allora la luce arrivava direttamente dal soffitto sul tavolo da pranzo, su un luogo di scrittura o su un angolo lettura. Oppure con lampade da terra, molto vicine al punto da illuminare e di conseguenza ingombranti.
I fratelli Pier Giacomo e Achille Castiglioni crearono Arco: base squadrata in marmo, struttura in acciaio. Semplice, razionale e versatile. E mai vista.
L’arco di metallo diffonde la luce dall’alto con una precisa gittata balistica. Un’invenzione frutto della maestria italiana: asta ricurva e telescopica, paralume modulabile nelle varie posizioni e forato nella parte alta per regalare anche un’illuminazione indiretta.
Il risultato è una silhouette inconfondibile e imitatissima. Ma il colpo di genio è la curvatura: i progettisti volevano liberare lo spazio a terra e con questo arco di 2 metri hanno ottenuto di rendere vicina una luce che arriva da lontano.


Lampada Parentesi di Flos

 

Anno 1971: eppure sembra essere stata disegnata ieri. Succede così con i grandi classici del design.
Il segreto del fascino evergreen di Parentesi di Achille Castiglioni e Pio Manzu per Flos risiede nella sua estetica minimale e nella sua estrema versatilità, che la rende adatta a ogni contesto. Pochissimi gli elementi: un tirante metallico agganciato al soffitto, mantenuto in tensione da una base cilindrica, lungo il quale si possono inserire delle “parentesi” in acciaio che sostengono la lampadina.
Flessibile e maneggevole, con Flos Parentesi si possono creare atmosfere diverse orientando la luce dove si desidera.
"La prima idea della Parentesi è di Pio Manzù – racconta Achille Castiglioni - che aveva pensato ad un’asta fissa verticale e a una scatola cilindrica con una fessura per la luce, che andava su e giù: per fermarla ci voleva una vite. Ho sostituito l’asta con una corda metallica che, deviata, fa attrito e permette alla lampada di stare in posizione senza bisogno di alcuna vite”
Lampada vincitrice del Compasso d’Oro nel 1979.

 

Lampada Eclisse di Artemide

 

La lampada da tavolo, installabile anche a parete, Eclisse è stata disegnata da Vico Magistretti e prodotta per la prima volta nel 1967 da Artemide.
Vincitrice del Compasso d'oro nel 1967, è diventata un grande classico del design italiano. Si tratta di un oggetto dalle forme semplici ispirato alle lanterne cieche dei minatori o dei ladri, come sottolineò lo stesso Magistretti.
Nel 1963, mentre era in metropolitana a Milano, Magistretti ebbe un'idea pensando alla lanterna di Jean Valjean, protagonista dei Miserabili di Victor Hugo. Fece così uno schizzo sul retro del biglietto e, appena possibile, chiamò un suo assistente in studio descrivendo come combinare un paio di sfere.
La lampada di design è composta da tre semisfere in metallo verniciato. La base, la calotta esterna fissa e la sfera interna che ruota modificando l’intensità della luce e producendo un’eclissi totale quando arriva a rotazione completa. Scelta di una tecnologia semplice, non esasperata, estetica basata su forme primarie.
Eclisse di Artemide è ormai un simbolo del design italiano nel mondo nonché uno dei prodotti di disegno industriale più rilevanti del XX secolo.
Fa parte della collezione permanente del Triennale Design Museum di Milano, della collezione permanente del MoMa di New York ed è stata esposta in molti musei dedicati al design, all’arte contemporanea e all’arredamento di tutto il mondo.

 

 

Condividi su Facebook