Atlantic Ocean Road - la strada panoramica più bella del mondo in Norvegia

Si chiama Atlantic Ocean Road, si trova in Norvegia ed è considerata la strada panoramica più bella del mondo.

 

 

Titolo che si è meritata grazie ai suoi ponti da capogiro e alla spettacolare costa norvegese che attraversa.
Una lunga strada, bella e pericolosa come solo le cose veramente affascinanti sanno essere, l’Atlantic Ocean Road, che attraversa un arcipelago, collegando le numerose e piccole isole tramite viadotti e punti panoramici a strapiombo sul mare.
Non solo: la strada panoramica più bella del mondo è spesso soggetta alle intemperie, sommersa da onde alte diversi metri e resa spesso impraticabile da burrasche di neve e raffiche di vento che soffiano a velocità soprendenti.

Volete sapere quando l’ Atlantic Ocean Road viene “presa d’assalto” dai turisti? Ovviamente durante l’autunno, quando percorrerla è davvero un’avventura al cardiopalma “grazie” alle violente burrasche che la colpiscono.

La Strada Atlantica è un tratto di 8 kilometri compreso tra le città di Kristiansund e Molde, i due maggiori centri della contea di Møre og Romsdal nella Norvegia dei fiordi.

La strada comincia approssimativamente 30 kilometri a sud-ovest di Kristiansund e termina a 47 kilometri a nord di Molde.
Serpeggia lungo bassi ponti che spuntano fuori dal mare, collegando le isole tra Molde (famosa per il festival jazz a luglio) e Kristiansund nei fiordi occidentali. L'Hustadvika è un famoso tratto di oceano particolarmente spettacolare durante le burrasche, da cui, scrive il Guardian, si possono avvistare balene e foche quando il cielo è terso.

Eletta "costruzione norvegese del secolo" nel 2005, la strada collega tante piccole comunità costiere: dalla città di Kristiansund, la Strada Atlantica si percorre in auto in soli 30 minuti attraversando il tunnel dell'Oceano Atlantico. Dopo aver superato il tunnel si attraversa l'isola di Averøy con la chiesa in legno di Kvernes, la sua meravigliosa parte occidentale e l'incredibile costa verso Hustadvika.

 

 

Condividi su Facebook