Manet e la Parigi Moderna – la mostra a Palazzo Reale di Milano

Fino al 2 luglio 2017 Milano ospita a Palazzo Reale la grande mostra “Manet e la Parigi Moderna".

 

 

Un centinaio di opere provenienti dal Musée d'Orsay di Parigi, tra le quali capolavori assoluti dell’artista francese e altri quadri di grandi pittori a lui contemporanei - Claude Monet, Pierre-Auguste Renoir, Paul Signac, Edgar Degas, Paul Cézanne e Paul Gauguin –, dipingono un affresco che riesce ancora a sorprendere, nonostante il tema sia stato più volte affrontato.

Il taglio storico della mostra di Manet a Palazzo Reale di Milano ci trasporta in una Parigi di metà Ottocento, città dalla folgorante modernità e dalla febbrile urbanizzazione, dove anche l’arte diventa sperimentazione e voglia di stupire.

In questa città in ascesa opera Eduard Manet che, sulla scia della fascinazione baudelairiana, si afferma come “pittore della vita moderna”, scegliendo di affrontare temi nuovi che vengono dalla strada, dai caffè, dai palchi del Teatro dell’Opera.

 

 

In poco più di due decenni di intensa attività, Édouard Manet (Parigi, 1832-1883) ha prodotto 430 dipinti, due terzi dei quali copie, schizzi, opere minori o incompiute. Un corpus in sé affatto esteso, ma in grado di rivoluzionare il concetto di arte moderna. Una vicenda, la sua, che si intreccia a quella di altri celebri artisti, molti tra loro compagni di vita e di lavoro di Manet, frequentatori assieme a lui di caffè, studi, residenze estive, teatri.

Ecco perché le opere presenti nella mostra di Milano “Manet e la Parigi Moderna”, che arrivano dalla prestigiosa collezione del Musée d’Orsay di Parigi, affiancano ai 55 dipinti del Maestro, 40 altre splendide opere di grandi artisti coevi, da Boldini a Cézanne, fino A Degas, Fantin-Latour, Gauguin, Monet, Berthe Morisot, Renoir, Signac e Tissot.
Alle opere su tela si aggiungono 10 tra disegni e acquerelli di Manet, una ventina di disegni degli altri artisti e sette tra maquettes e sculture.

Promossa e prodotta da Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale e MondoMostre Skira, curata da Guy Cogeval, storico presidente del Musée d’Orsay e dell’Orangerie di Parigi, la mostra “Manet e la Parigi Moderna” intende celebrare il ruolo centrale di Manet nella pittura moderna, attraverso i vari generi cui l’artista si dedicò: il ritratto, la natura morta, il paesaggio, le donne, Parigi, sua città amatissima, rivoluzionata a metà ‘800 dal nuovo assetto urbanistico attuato dal barone Haussmann e caratterizzata da un nuovo modo di vivere nelle strade, nelle stazioni, nelle esposizioni universali, nella miriadi di nuovi edifici che ne cambiarono il volto e l’anima.

 

 

 

 Didascalie Immagini

1 - Edouard Manet, Il balcone, 1868-1869, Olio su tela, 170 x 125 cm - Parigi, Musée d’Orsay - © René-Gabriel Ojéda / RMN-Réunion des Musées Nationaux/ distr. Alinari

 

2 - Edouard Manet, Lola de Valence, 1862, Olio su tela, 123 x 92 cm - Parigi, Musée d’Orsay - © René-Gabriel Ojéda / RMN-Réunion des Musées Nationaux/ distr. Alinari

 

3 - Edouard Manet, La cameriera della birreria, 1878-1879, Olio su tela, 77 x 64,5 cm - Parigi, Musée d’Orsay - © René-Gabriel Ojéda / RMN-Réunion des Musées Nationaux/ distr. Alinari

 

 

 

 

 

Condividi su Facebook