Quale futuro per PR e uffici stampa? Parlano i risultati di una ricerca

"Public Relations: evoluzione e prospettive per il futuro" è il titolo della recente ricerca condotta da Pepe Research con il patrocinio di Assorel - Associazione Italiana Agenzie di Relazioni Pubbliche.

Lo studio si è proposto di indagare alcuni temi attuali in relazione all'attività delle Public Relations, partendo dalle interviste a un ampio campione di addetti e responsabili PR e uffici stampa.

 

 

I risultati della ricerca sono stati presentati durante l'evento del 10 novembre nella prestigiosa Villa Mirabello a Milano, con la partecipazione di oltre 40 esperti del mondo della comunicazione. 

I temi d'indagine riguardavano il peso dei social media, le digital relations, la misurazione dei risultati, il ruolo della creatività e le competenze percepite come prioritarie nel settore.

È emersa, innanzi tutto, la necessità di generare contenuti rilevanti: la creatività, nell'opinione degli operatori, è vitale in quanto idee e contenuti in grado di generare ascolto sono una competenza must da offrire al cliente, in aggiunta alla comunicazione e diffusione degli stessi contenuti.

Le relazioni con i media di settore rimangono importanti, più di quelle con i blogger e gli influencer, così come l'attività dell'ufficio stampa conserva un ruolo fondamentale, nonostante i social media e le piattaforme blog abbiano aperto nuove opportunità di comunicazione che appaiono alla portata di tutti.

Secondo l'esperienza dei PR, inoltre, i social network hanno specializzato la propria competenza in materia di comunicazione: Facebook e Instagram sono usati maggiormente per il BtoC; Linkedin e Twitter per il BtoB. Ancora scarso il ruolo di Google+, Pinterest e Snapchat.

Altro tema caldo della ricerca, la necessità di nuovi strumenti per la misurazione dei risultati, importante per le agenzie come verifica dell'efficacia del proprio lavoro, altrimenti percepito come impalpabile, astratto.

E per finire, una domanda che guarda anche al mondo del lavoro: quali sono le nuove competenze ritenute necessarie nel mercato della comunicazione? Innanzitutto servono profili qualificati in business development, ideazione di iniziative social, gestione dei social network e di media relation online, sviluppo web e grafica, esperti di analytics e, ancora una volta, creazione di contenuti.

L'istituto milanese incaricato della ricerca, Pepe Research, si occupa di ricerche di mercato e sociopolitiche ed è associato Assirm, l'Associazione di Categoria di riferimento, che certifica la qualità degli istituti aderenti.

Per scaricare i risultati della ricerca, clicca qui

 

Angela Langone

Co-founder iStile Comunicazione

iStile Comunicazione è un'agenzia di comunicazione ed eventi che presta servizio di ufficio stampa per aziende, marchi, prodotti e destinazioni, con specializzazione nei settori moda, turismo, no-profit, eventi, design, eno-gastronomia e ristorazione.

iStile Comunicazione e Viviconstile.it costituiscono un network forte ed efficace, in grado di garantire ampia e qualificata visibilità sia presso la stampa che presso il target di riferimento.
Vuoi approfondire? Cerchi qualcuno che si occupi della tua comunicazione?

Per qualsiasi informazione, compila il form a questa pagina: http://istile.it/wordpress/contatti/ oppure scrivici: comunicazione@istile.it

 

Condividi su Facebook