La Modern Art di Nina Zilli

 È uscito in questi giorni ‘Modern art’, quarta fatica discografica della bella e versatile artista Nina Zilli, interprete, musicista, autrice e conduttrice radiofonica e televisiva (da tre anni infatti è anche uno dei giudici nel programma ‘Italia’s got talent’, in onda su Sky).

 

 

Un disco ‘urbano e tropicale ma anche ‘rivoltoso e pacifista’, come lei stessa ama definirlo, registrato tra Milano e la Giamaica, terra che la Zilli ama moltissimo. L’album contiene 11 inediti più la cover di ’Il mio posto qual è’, cantata da Ornella Vanoni nel ’67 e scritta da Franco Califano. E naturalmente il singolo ‘Mi hai fatto fare tardi’, vero e proprio tormentone dell’estate 2017 che sdrammatizza le pene d’amore e che vanta, tra le firme, quella di Tommaso Paradiso dei Thegiornalisti.

 

Quanto tempo hai impiegato, per scrivere questo tuo quarto album?

«Un anno e mezzo circa, mentre ero in tour e programmavo un viaggio in Giamaica, dove in realtà sono nate quasi tutte queste canzoni. Ho bisogno di vivere, per trovare nuovi spunti».

 

Ti sei ispirata agli anni in cui smartphone e social non condizionavano in maniera estrema, le nostre giornate. Nostalgia?

«Negli anni ’90 non esistevano i social ma condividevamo … la vita! La tecnologia ci ha facilitato in tante cose ma rischiamo di non accorgerci più, di ciò che ci accade intorno».

 

L’album contiene anche un duetto con l’amico J-Ax, intitolato ‘Butti giù’. Come è nata l’dea di questa collaborazione?

«Avevamo registrato insieme il brano 'Uno di quei giorni' (inserito nel disco di J- AX 'Il bello di esser brutti'; ndr), un pezzo divertente e molto ‘easy’, che racconta la classica ‘giornata no’ che può capitare a tutti. Quando gli ho fatto ascoltare questa nuova traccia è impazzito e mi ha scritto di getto la parte rap, molto trascinante. Sarebbe divertente, anche questa volta, realizzare il video clip insieme! ».

 

 

Terminato il firma copie negli store e gli incontri con i fan, Nina partirà per un tour nei club («ho bisogno di sentirmi l’energia addosso, questa è la dimensione che preferisco », spiega l’artista).
Queste le date: 13 ottobre, Crema (Teatro San Domenico); 14, Cesena (Vidia Club); 18, Milano (Alcatraz); 19, Torino (Hiroshima Mon Amour); 27, Roncade - Tv (New Age); 3 novembre, Firenze (Viper Club), 4 novembre, Roma (Atlantico); 11, Fontaneto D’Agogna – No (Phenomenon); 17, Nonantola (Vox); 18, Brescia (Latte +); 24, Napoli (Casa della musica); 25, Maglie – Le (Industrie musicali); 26, Modugno – Ba (Demodè). I biglietti sono in vendita su ticketone.it

Sonja Annibaldi

 

 

Nina Zilli (all’anagrafe Maria Chiara Fraschetta) è nata a Piacenza, il 2 febbraio del 1980. Ha una voce potente e molto particolare, dal sapore vintage e i suoi punti di riferimento musicali sono Otis Redding, Etta James, Nina Simone e Aretha Franklin. È fidanzata da due anni con Stefano Mancinelli, giocatore di basket che gioca nella Fortitudo Bologna.

 

Condividi su Facebook