La Festa dell'Uva e del Vino di Chiusi

La bella cittadina di Chiusi, in Val d’Orcia, ospiterà dal 26 al 28 settembre la sua ormai storica Festa dell'Uva e del Vino arrivata alla 23esima edizione.

 

E così, oltre a visitare il borgo toscano, antica città etrusca di cui conserva bellissimi reperti nel Museo Archeologico Nazionale Etrusco, si potranno degustare vini e prodotti del territorio nelle tradizionali cantine, nei punti degustazione e nelle botteghe dislocate in tutto il paese.
Il tutto “condito” da gustosi piatti tipici, spettacoli itineranti, intrattenimenti musicali e da un’aria di festa a dir poco contagiosa.
Tra gli appuntamenti enogastronomici da non perdere: il Convivio in onore di Bacco, organizzato da alcuni ristoranti di Chiusi che, in perfetta sinergia, presenteranno piatti abbinati a vini del territorio. Il vino sarà il protagonista delle serate dedicate alle degustazioni guidate dall'Associazione Italiana Sommeliers e dei banchi d'assaggio presenti in vari punti del paese.

 

Un altro appuntamento della Festa dell'Uva e del Vino di Chiusi, che da solo vale una visita, è l'Enoteca dove sommeliers dell'A.I.S. ci guideranno nella degustazione dei migliori vini italiani. Saranno infatti presenti le etichette più rappresentative delle varie regioni, un'occasione per fare un bel giro (enologico) d'Italia senza fretta e senza fare chilometri.
Vinovagando propone invece percorsi archeologici guidati che si concludono con degustazioni e trekking culturali che si concludono con degustazioni nelle cantine della Città. Ogni giorno un piccolo viaggio nella civiltà del passato per incontrare e conoscere la magia di Chiusi, ogni giorno un boccone di quella storia che ancora a distanza di secoli sa far parlare di sé.
Ben poche altre cittadine, infatti, possono vantare un retaggio artistico così antico: il Museo Archeologico Nazionale, le Tombe Etrusche, le Catacombe, il Museo della Cattedrale e il suggestivo e vasto complesso di Chiusi sotterranea, continuano a narrare vicende, a raccontare fatti, affascinando visitatori di ogni parte del mondo.
Basta immaginare tutto questo nella vivace cornice della Festa dell'Uva e del Vino, aggiungere una piacevole compagnia e un buon bicchiere “raccontato” da un esperto sommelier, per convincere anche i più scettici a organizzare un weekend gourmande in Toscana.

 

 

 

Condividi su Facebook