Red la Feltrinelli – il nuovo concept store a Milano

In una Milano che cambia a vista d’occhio e si fa bella aspettando Expo 2015, nasce Red la Feltrinelli - Read, Eat, Dream, nuovo concept store che mescola cultura e buon cibo (binomio che sembra diventato ormai sempre più imprescindibile).

Aperta da poco nella nuovissima piazza Gae Aulenti, in mezzo a quei grattacieli che stanno cambiando lo skyline milanese, Red è un omaggio al colore che storicamente connota la prima catena di librerie italiana, ma è anche un acronimo: le sue lettere sono le iniziali di Read, Eat, Dream.

Read: perché nonostante tutto il contorno, il libro resta il centro di questa nuova concezione di negozi (il primo è stato aperto a Roma), il motore primo, il cuore identitario, culturale ed economico dell’impresa.

Eat: perché il cibo è cultura, bisogno e piacere. E perché il cibo è socialità e condivisione, tempo da trascorrere insieme.

Dream: ovvero l’insieme di architettura, design, comunicazione, percorsi, eventi che fanno di RED un luogo in cui “si vuole andare” e che trasformano in esperienze quelle che altrimenti vivremmo come semplici, quotidiane incombenze.

Ancor di più che nel Red romano, questo primo locale milanese vuole puntare sulla ristorazione.

Il motivo è dato dalla sua collocazione: migliaia di persone graviteranno ogni giorno sul complesso di Porta Nuova, perché lì avranno il posto di lavoro, perché di lì passeranno nel loro tragitto dalla stazione di Porta Garibaldi, o dall’Isola, verso il centro cittadino. Interessante la ristorazione, con una proposta che spazia su tutto l’arco della giornata, dalle prime colazioni al pranzo – giocato tutto sul principio delle tapas: piccoli piatti e tanti assaggi per un pranzo insieme gustoso e leggero – dall’aperitivo alla cena, con un menu più elaborato e sostanzioso.

Così i 500 metri quadri di Red sono stati equamente ripartiti tra libreria e ristorante. Nella zona ristorante si trovano un centinaio di coperti (nella bella stagione c’è il dehors), mentre la libreria ospita un rispettabile assortimento di libri, attorno ai 5.000 titoli, scelti sulla base del loro valore di scoperta e fortemente valorizzati.

Tenuto conto del fatto che molto del pubblico diurno sarà costituito da habitué (ad esempio i 4.000 dipendenti di Unicredit ospitati nelle torri circostanti), si punta a rinnovare con grande frequenza l’assortimento librario.

L’assortimento comprende infine un reparto di cartoleria e oggettistica e un reparto food, che propone in vendita alimenti e vini della tradizione italiana, selezionati da Feltrinelli sulla base di un principio di qualità, sostenibilità, accessibilità.

E se non bastasse, c’è anche il Wi-fi gratuito e numerosi tablet a disposizione per gli ospiti per la libera navigazione.
 

 

Condividi su Facebook