Karpathos che si specchia nel mare greco

Un'isola quasi dimenticata, nella cui forma un poeta inquieto degli anni Settanta riconobbe un pugnale; arsa dal sole, ventosa, dalle strade ripide e impraticabili. Come Rodi e Kos fa parte del Dodecanneso e si specchia nello stesso limpido mare.

Siamo parlando di Karpathos: un luogo della Grecia che non ci è apparso come terra d'invasione turistica, bensì oasi di ozioso rilassamento e pura vacanza.

Pigadia, la capitale, pur essendo un porto mercantile, può vantare acque pulite; le spiagge sono belle, soprattutto se ci si allontana dal centro.

Le acque più limpide sono quelle di Lefkos, sulla costa occidentale, e di Apella, a nord della capitale.

A Lefkos sarà indimenticabile la passeggiata sulle palafitte del porto, dove potrete sedervi in un bar e bere un caffé shakerato, o fermarvi al ristorante per scegliere il pesce fresco e poi farvelo cucinare.

Ad Apella il mare trasparente e la montagna superba vivono in armonia; e il turista resta incantato e pensa, davvero, ai canti di Omero.

Ancora più a nord ci si imbatte in Diafani, piccola località turistica in fase di crescita; se poi proprio non riuscite a farne a meno, lasciatevi sedurre anche voi dal mito di Olympos, paese costruito in montagna per sottrarsi alle invasioni piratesche (non proprio impavidi, questi isolani!) e, secondo noi, l'unico villaggio che è sfacciatamente una trappola per turisti: le vecchie donne vestite di nero agli angoli delle strade parlano l'italiano dei soldati della Guerra Mondiale e vendono olive, miele, spezie, scialli, tappeti, lenzuola… e foulards col potere di combattere il nubilato.

Olympos ha una splendida vista mare e vecchi mulini a vento, tra i quali quello più grande è diventato una trattoria casereccia, genuina e appetitosa, nonché uno dei posti più economici di tutta la Grecia.

Karpathos si vive e si gode di giorno: la notte, dopo lo spettacolino del sirtaki nella piazza del comune di Pigadia, si va tutti a letto.

Non perdetevi le gite in barca con i marinai abbronzati e rugosi: non appena sentiranno che siete italiani, con una squisita cortesia e grande educazione inizieranno una lunga chiacchierata sui parenti che vivono a Bologna, le città storiche e il calciomercato.

Angela Langone 

 

Condividi su Facebook