Roma e le sue icone di design in mostra al MAXXI

Sfrecciare in motorino tra le strade della città eterna, cenare in una trattoria di Trastevere, la grande bellezza che fa capolino ovunque, l’imponenza di San Pietro, l’allegria scanzonata dei romani: cosa resta di un viaggio a Roma?

Sette protagonisti del design sono stati invitati, con la loro creatività, a rispondere a questa domanda, nella bella mostra ospitata al MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma dal 27 marzo al 31 maggio 2015, “Local Icons. Greetings from Rome”.
Gentucca Bini, Lanzavecchia + Wai, Marta Laudani e Marco Romanelli, Paola Navone, Patricia Urquiola, Stefano Giovannoni, Zanellato/Bortolotto sono i protagonisti di Local Icons: una piccola collezione ispirata a Roma e alla ricchezza del suo immaginario culturale, storico e popolare, nata dal talento e dalla sensibilità di questi autori, che hanno prodotto oggetti che fanno parte del nostro patrimonio di ricordi, che rievocano personalissime emozioni e che la versatilità di un materiale unico come Alcantara ha interpretato cogliendo il significato più profondo di ogni progetto.

“Difficile oggi trovare oggetti che possano essere delle vere e proprie icone locali” spiegano Giulio Cappellini (Art Director di Alcantara) e Domitilla Dardi (Design Curator, MAXXI Architettura), curatori della mostra. Per questa ragione i curatori hanno scelto di coinvolgere alcune firme del design profondamente legate all’Italia per un progetto che rivisita in chiave contemporanea l’unicità di Roma.
Local Icons. Greetings from Rome è un viaggio alla ricerca di quelle immagini che definiscono i luoghi della memoria propri di una cultura, per rileggerli alla luce di nuove progettualità. Ancora una volta la collaborazione tra MAXXI e Alcantara evidenzia il comune dialogo con la creatività e la ricerca, e la profonda attenzione dedicata ai più diversi linguaggi, alla sperimentazione, all’innovazione culturale.

 

 

Condividi su Facebook