I gioielli “preistorici” di OOO Workshop, da animali estinti a orecchini

 Il collettivo jewelry maker OOO Workshop ha realizzato con dei vecchi giocattoli a forma di dinosauro degli irreverenti orecchini e altri gioielli kitsch di design da indossare.

Innovativi e stravaganti, questi orecchini sono perfetti da regalare a Natale, per sorprendere con qualcosa di inaspettato o per il compleanno dell'amica fashion-nerd.

Come si sa, i nerd sono le persone appassionate di videogiochi, giochi da tavolo, film e qualsiasi oggetto ludico e videoludico – ma non solo -, al punto da diventare, come si suol dire, “addicted” nei confronti di questi passatempi, fino a cercare sempre nuovi gadget e articoli che possano soddisfare il loro hobby collezionista: non a caso questi gioielli a forma di dinosauro sono stati realizzati con vecchi giocattoli rappresentanti questi rettili preistorici, tutt’ora in vendita nei negozi per bambini o reperibili in qualche mercatino.
La preistorica nuova tendenza che sta spopolando in particolare tra le ragazze, appunto, fashion-nerd viene da Hong-Kong: i designer di OOO hanno elaborato questi creativi oggetti di bigiotteria aggiungendo componenti di argento a dinosauri in miniatura, scegliendone in particolare dodici tipologie. Tra questi piccoli rettili estinti si possono trovare le specie più famose e amate da bambini e non, come il T-Rex, il Brontosauro, il Velociraptor, lo Pterodattilo, lo Stegosauro, il Triceratopo e molti altri, che divengono insoliti e interessanti orecchini, pendenti e altri bijoux dal fascino singolare, da combinare persino per creare specie “ibride” utilizzandone separatamente i pezzi.

Oltre a questi simpatici gioielli, OOO Workshop ha elaborato altri oggetti stravaganti, acquistabili attraverso la pagina Etsy del loro portale, come le pochette bidimensionali a forma di pallina natalizia, perfette per le prossime festività, e altri prodotti che da oggetti della quotidianità sono stati ripensati per nuovi utilizzi, proprio avviene per questi simpatici dinosauri-gioielli.

V.G.

 

 

Condividi su Facebook