Bandiere Blu 2015 – le spiagge più belle e il mare più pulito in Italia

Puntuali come ogni anno, con la bella stagione arrivano anche le attese Bandiere Blu 2015.

 

 

Un riconoscimento importante che, assegnato dalla Fee - Foundation for environmental education, premia le spiagge più belle e il mare più pulito in Italia. Rispetto, valorizzazione dell’ambiente, gestione sostenibile del territorio, cura delle spiagge e delle coste sono gli irrinunciabili obiettivi di chi vuole veder sventolare il rinomato vessillo blu.

Le spiagge premiate con la Bandiera Blu 2015 in Italia sono 280, 147 sono i comuni interessati.
Regina della prossima estate ormai alle porte la Liguria, che conquista il primo podio con ben 23 spiagge insignite della Bandiera Blu, seguita a breve distanza da Toscana (18 località premiate) e Marche (17 località). Quarta la Campania con 14 bandiere, quinta la Puglia che arriva ad 11.

Il mare italiano, in generale, sembra godere di buona salute: almeno a scorrere la lista dei lidi più belli e puliti d’Italia premiati con le Bandiere Blu 2015 - ben 280 da nord a sud - per i quali è stata riconosciuta l’eccellente qualità delle acque (il 7% del totale di quelle premiate a livello internazionale) ma anche per altre qualità `green´, distribuite in 147 comuni rivieraschi, mentre 66 sono gli approdi turistici doc.

 

 

 

In generale il territorio italiano può vantare un miglioramento rispetto al 2014, con sette bandiere in più nel paniere. Sono gli 11 Comuni "new entry", mentre 4 sono le Bandiere Blu 2014 che hanno perso lo status.

Fresche di nomina sono Taggia, Borghetto S.Spirito, S. Margherita Ligure (Liguria); Capaccio (Campania); Terracina (Lazio); Cannobio (Piemonte); Castellaneta (Puglia), Castelsardo, Sorso (Sardegna), Tusa (Sicilia), Rosolina (Veneto).
Pérdono, per quest’anno, la Bandiera Blu due spiagge abruzzesi e due siciliane: Silvi, Rocca S. Giovanni, Ragusa e Marsala.

È bene ricordare che tutte le località che meritano la Bandiera Blu sono equiparabili tra di loro: non esiste un primo classificato e neppure l’ultimo della fila. Chi vuole aggiudicarsi l’onorificenza, deve provare di avere acque eccellenti, una perfetta rete fognaria, fare raccolta differenziata, avere spiagge dotate di tutti i servizi e personale addetto al salvataggio. E aver provveduto all’abbattimento delle barriere architettoniche.

La Bandiera Blu è, infatti, un riconoscimento internazionale, istituito nel 1987, Anno europeo dell’Ambiente, che viene assegnato ogni anno in 48 paesi, inizialmente solo europei, più recentemente anche extra-europei, con il supporto e la partecipazione delle due agenzie dell'ONU: UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente) e UNWTO (Organizzazione Mondiale del Turismo) con cui la FEE ha sottoscritto un Protocollo di partnership globale.
Bandiera Blu è un eco-label volontario assegnato alle località turistiche balneari che rispettano criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio.
Obiettivo principale di questo programma è quello di indirizzare la politica di gestione locale di numerose località rivierasche, verso un processo di sostenibilità ambientale.
Scoprite qui la lista completa delle Bandiere Blu 2015 in Italia.

 

 

 

 

 

Condividi su Facebook