Mozambico – viaggio nella nuova Africa

Non c’è ombra di dubbio: è il Mozambico una delle destinazioni emergenti più interessanti del panorama internazionale.

 

Un viaggio in Mozambico è un’avventura nel cuore dell’Africa più autentica e selvaggia perché il paese, che si affaccia con più di 2500 km di coste sull’Oceano Indiano, proprio di fronte al Madagascar, è uno scrigno di bellezze autentiche, ancora da scoprire.
Lontano dai clamori e dal jet set internazionale, ma immersi nel cuore di un’Africa misteriosa e suggestiva, il Mozambico è una meta interessante per chi ama il mare – leggendarie sono le sue spiagge tra le quali la spiaggia bianca di Barra – i piccoli borghi di pescatori e gli arcipelaghi incantati come quello di Bazaruto.
Ma anche per chi viaggia per conoscere tradizioni diverse, visitare piccole città rilassate e immergersi in metropoli in continuo fermento come Maputo, la capitale del Mozambico.
Per non parlare dei safari e dei parchi naturali, che da sempre costituiscono una grande attrattiva per organizzare una vacanza in Mozambico.
 

Mozambico: dove si trova, quando partire


Il Mozambico si estende lungo la costa sud-orientale dell’Africa: confina a nord con la Tanzania, a nord-ovest con Malawi e Zambia e a sud-ovest con il Sudafrica e lo Swaziland ed è facile da raggiungere grazie ai voli interni direttamente da Johannesburg.
Molto amato come meta di viaggi di nozze grazie ai suoi resort di lusso e per i safari allietati da eco-lodge incantevoli, il Mozambico ha una superficie di circa 800.000 kmq e una popolazione di 18 milioni di abitanti, in forte crescita.
Ex colonia portoghese, indipendente dal 1975, dal punto di vista morfologico si presenta divisa in due: a Nord si estende la regione degli altipiani, attraversati dalla Rift Valley e dei massicci isolati come il monte Namuli, che raggiunge quasi i 2500 metri di altezza.
Il centro e il sud del paese, invece, sono prevalentemente pianeggianti e attraversati da molti fiumi,primo tra tutti lo Zambesi. Fiore all’occhiello del Mozambico è, però, la sua lunghissima costa (quasi 2500 km) affacciata sull’Oceano Indiano, per lo più pianeggiante, dove si trova anche la capitale del paese, Maputo, famosa per la sua dolce vita che le è valso l’appellativo di Cannes dell'Africa Australe.
Procedendo verso occidente il paesaggio cambia bruscamente: dalla spiaggia ornata di palme si passa a un'ampia fascia di savana e boschi. È il regno dei grandi parchi e delle aree protette, che il paese ha creato e valorizzato a partire dagli anni Novanta: il parco nazionale di Banhine, il parco nazionale di Gorongosa, il Niassa National Reserve, il parco nazionale di Zinave e il Parco nazionale del Limpopo.

Quando andare in Mozambico? Da giugno ad agosto: sono questi i mesi migliori per visitare il Mozambico, perché sia le piogge che le temperature diminuiscono, rendendo il soggiorno ancora più gradevole. Con il procedere della stagione secca, invece, dalla fine d'agosto a settembre, le temperature iniziano ad aumentare, benché questo sia il periodo migliore per vedere gli animali selvatici di grossa taglia. Se amate il birdwatching, il periodo ideale è durante la stagione delle piogge, in genere tra novembre e dicembre.
Per organizzare una vacanza di relax e scoperta, un viaggio avventura o una luna di miele in Mozambico, il nostro consiglio è quello di affidarsi a un’agenzia specializzata, come l’italianissima Corat che collabora con i principali tour operator internazionali (Alidays, Best Tours, Chiariva, Gastaldi, Hotelplan, Il Diamante, Il Viaggio, Mappamondo, Oceani Africani By African Explorer, Presstours/Scirocco Tours, Rotte Nel Mondo) in grado di seguire il cliente in ogni passaggio, dalla pianificazione del viaggio, al soggiorno fino al ritorno. Corat, infatti, è una società che da oltre 17 anni si occupa di rappresentanze turistiche in Africa Australe, la prima a occuparsi della promozione del Mozambico in Italia, Francia e Spagna.

Maputo, la capitale del Mozambico
Lourenço Marques: era questo il nome di Maputo, la capitale del Mozambico, in epoca coloniale. Anche se tutti la conoscevano come la Cannes dell’Africa Australe: famosa per la sua “dolce vita”, per i locali e la vivace vita notturna, era una città cosmopolita, dove un miscuglio di popoli e culture diverse viveva pacificamente insieme. Durante il governo segregazionista, infatti, nella vicina Sudafrica era proibito ascoltare la musica rock, che veniva diffusa e ascoltata fino Johannesburg, però, proprio grazie a una stazione radio di Maputo. Di questo passato più o meno lontano restano oggi alcuni edifici in stile barocco e ottocentesco e la Cattedrale, realizzata all’inizio del Novecento in uno straordinario stile futurista, oltre alle mura del castello, primo avamposto portoghese nel XV secolo.

Mete da non perdere in Mozambico


Chi ci è stato descrive il Mozambico come un paradiso ecologico dove regalarsi una vacanza di relax - facendo snorkeling, diving e pesca d’altura (i suoi fondali sono tra i più ricchi e vari di tutto il continente africano) – ma anche un viaggio di avventura grazie ai safari spettacolari, da veri intenditori. Ed è proprio la grande varietà di esperienze e di emozioni che un viaggio in Mozambico può regalare, il tratto distintivo di questo paese, bello per le coste mozzafiato e le località esotiche, selvaggio per la natura intatta e senza compromessi, ancora legato alle tradizioni antiche eppure proiettato nel nuovo millennio.
Di cose da fare e da vedere in Mozambico ce ne sono molte. Ecco alcune delle mete più interessanti, da non perdere.
Lungo la costa affacciata su un bellissimo tratto dell’Oceano Indiano, di fronte al Madagascar, si susseguono piccoli borghi di pescatori e grandi centri commerciali, da sempre scali importanti sulla tratta verso l’India.
Come Beira, la seconda città del Mozambico per dimensioni, ancora oggi porto e terminal ferroviario di grande rilevanza. Il cuore della città è il Praça, la piazza principale, intorno alla quale si affollano negozi, bancarelle e uffici. Meglio non avventurarsi, invece, nel mercato di Tchunga Moyo, a meno che non si lasci a casa il portafoglio, onde evitare qualche sgradevole sorpresa. Ma a Beira si può anche fare un bagno in un mare da favola, nella Praia de Macuti.
Tutt’altra atmosfera a Vilanculos, borgo marinaro vivace e pieno di vita, situato poco più a nord di Beira, proprio di fronte alle isole di Barazuto e Benguérua, in uno dei tratti di costa più rinomati: lunghissime spiagge di sabbia bianca finissima protette da palme lussureggianti, che si tuffano in un mare cristallino. E, in più, un paesino allegro da visitare, con un bel mercato di frutta e verdura e tanti ristoranti dove assaggiare il pesce appena pescato.

Bellissima località di villeggiatura nei pressi di Maputo è Praia do Bilene, famosa per le sue dune che si snodano lungo 27 km di costa, così come Inhambane, fondata da Vasco de Gama nel 1534 quando era il porto più a sud usato dagli arabi per il commercio degli schiavi. Ancora oggi conserva alcuni edifici in stile portoghese che meritano una visita.
A Pemba, città costiera al nord del Mozambico, ci si viene soprattutto per le sue spiagge (molto rinomata quella di Wimbe) e per la barriera corallina così vicina che si può raggiungere nuoto. Nella zona non mancano bar, ristoranti, centri per il sub e per le gite in barca: insomma tutto ciò che contribuisce a fare di una bella località di mare una meta di tendenza per il turismo internazionale. Compresi alcuni dei resort più prestigiosi del paese, come il Pemba Beach Resort.
Addirittura leggendarie sono le spiagge di Tofu e di Barra. Tofu è la più organizzata, con resort, ville per le vacanze e rinomate scuole di surf, Barra più remota e difficile da raggiungere è un buen retiro di pace e tranquillità, dove perdersi tra dune sabbiose, mangrovie e boschetti di palme, circondati da pappagalli e scimmiette.

Le più belle (e romantiche) isole del Mozambico


Le isole perdute: è questo ciò che viene in mente, quando si approda su una delle splendide isole del Mozambico. Che sia l’arcipelago di Barazuto, una delle isolette sperdute delle Quirimbas o l’Ilha de Moçambique, il desiderio è di non tornare più alla routine delle nostre vite di città. Molto amate per i viaggi di nozze e per chi non rinuncia a una vacanza a cinque stelle, le isole del Mozambico sono angoli di intatto splendore circondate da un mare turchese che non ha nulla da invidiare a mete esotiche più famose.
A soli 10 km dalla costa, nella parte meridionale del Paese a circa 800 km a nord di Maputo, si trova l’Arcipelago di Bazaruto, senza dubbio uno dei luoghi più belli di tutto il continente, famoso per le sue acque cristalline, le spiagge di sabbia sottile, le barriere coralline incontaminate popolate da rarissimi pesci tropicali e i grandi pesci che fanno la gioia dei pescatori. L'area compresa tra la terraferma e la barriera posta a circa 300 m dalla riva è stata dichiarata zona protetta di livello internazionale, diventando Parco Nazionale Marino.
L’arcipelago di Bazaruto è composto da un insieme di piccole isole - Benguerra, Magaruque, Bangue, Santa Carolina e Bazaruto - tutte incluse nel Worldwide Fund of Nature. Uno straordinario ecosistema permette di ammirare, in poche centinaia di metri quadrati di terra e oceano, una sorprendente varietà di specie animali. Tra i quali spicca il dugongo, strano animale che forse non tutti conoscono, un sirenide che si nutre delle alghe che coprono i fondali marini.

Sull’isola di Bazaturo sorge l’Anantara Bazaruto Island Resort & Spa, resort consigliato a chi ama le emozioni forti, perché la bellezza del posto vi lascerà a bocca aperta. Il resort è consigliato alle coppie ma anche alle famiglie con bambini e ragazzi, grazie alle molteplici attività offerte, incluso il “sand boarding” praticato lungo una duna di sabbia lunghissima e il “qolf” che è una via di mezzo tra il golf e il “crochet”.
Nella provincia di Cabo Delgado a nord del paese, si trova l'arcipelago delle Quirimbas: 27 isole che corrono al largo della costa africana dalla città di Pemba fino a quella di Palma. Un paesaggio di giungla e mangrovie, coralli e spiagge, terra di pirati, schiavi, arabi e portoghesi e ora di alcuni dei resort più belli del Mozambico.
Oggi ben 1.500 chilometri quadrati di area marina sono diventanti il Quirimbas National Park, includendo 11 isole coralline che si estendono per oltre 100 chilometri. Conosciute come Isole Fortunate, sono un paradiso per gli amanti della natura e delle immersioni, che possono andare alla scoperta dei fondali e delle grotte ricoperte di coralli, dove vivono 375 diverse specie di pesci tropicali, tartarughe marine, balene, delfini, dugonghi e squali. È qui che si trova Medjumbe, l’isola-resort con servizi a cinque stelle che si raggiunge con un volo privato. In tutto solo 13 chalet costruiti sulla spiaggia in materiali naturali e tutti dotati di piscina privata.


L’Ilha de Moçambique, per gli affezionati semplicemente Ilha, è un piccolo pezzo di terra ancorata a tre km dalla costa, alla quale è collegata da un ponte. Dichiarata patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, nei secoli è stata crocevia delle tre culture del Mozambico: africana, araba e portoghese. Qui passarono, e si fermarono, persiani, cinesi, indiani, olandesi e tutti vissero insieme. Per secoli fu la capitale del Mozambico, al quale ha dato il nome, e del quale sembra conservare l’anima più antica e autentica. Merita una visita per le sue sette moschee, le altrettante chiese e il tempio indù, che si contendono i riflettori con il palazzo e Cappella di São Paulo, ex residenza del governatore, risalente al Settecento.

Safari in Mozambico


Che il Mozambico sia un paese che sta cambiando, e in meglio, lo dimostra la ripresa dei safari nel Gorongosa National Park. Ritenuto una delle migliori destinazioni per i safari durante gli anni Sessanta e Settanta del Novecento, ma pesantemente danneggiato dai trent’anni di guerra civile mozambicana che ne seguirono, il Gorongosa National Park sta conoscendo oggi una seconda giovinezza. I diversi ecosistemi del Parco, che si estende per 4000 chilometri quadrati alla fine della Great African Rift Valley, sono un paradiso per gli amanti degli animali selvatici, che potranno ammirare impala, facoceri, coccodrilli, ippopotami, antilopi, bufali, gazzelle, elefanti. Non è facile avvistare tutti i Big Five, visto che non ci sono leopardi e rinoceronti, ma il Gorongosa National Park rimane una meta perfetta per chi desidera vivere un safari davvero green. Solo pochi bungalow, niente ressa e ospitalità essenziale. Il Gorongosa National Park è uno dei parchi più belli dove avvistare il gattopardo africano e dove siano permessi il walking safari e le passeggiate naturalistiche.
La più grande riserva naturale del Mozambico situata a nord del paese, al confine con la Tanzania è la Niassa National Reserve.
Un safari fotografico nella sconfinata Niassa Reserve è un vero e proprio viaggio nel tempo, quando il continente africano era popolato di animali selvaggi, liberi di muoversi tra foresta e savana, protetti dalle spettacolari alture granitiche che dominano il paesaggio del parco protetto.
Un safari nel Niassa National Reserve può durare anche parecchi giorni. Sono le guide esperte a condurre i turisti nel cuore della riserva, dove si possono avvistare oltre 370 specie di uccelli, alcuni rarissimi e almeno tre specie endemiche recentemente scoperte: il Niassa Gun, la Zebra di Boehm e l’Impala di Johnston. Ma anche gnu, antilopi, leoni, leopardi, elefanti e ippopotami.
Il massimo del piacere è potersi fermare a dormire all’interno della riserva, nel Lugenda Wilderness Camp, glamping di stile lungo il fiume Lugenda: otto tende di lusso perfettamente integrate nell’ambiente naturale, protette dalle fronde di alberi di fico secolari, ognuna dotata di patio con vista a 360 gradi sul bush. Così da non farsi sfuggire neppure un avvistamento. All’interno le “tende” sono quasi un miraggio: letti king size, bagno privato con vasca e doccia, ventilatori a soffitto. Ma niente supererà la bellezza dei tramonti africani che fanno capolino tra le tende candide del camp: è la magia potente dell’Africa, il richiamo ancestrale della Terra, che non si dimentica più.

Dove non andare, cosa non fare in Mozambico
Visto il persistere della tensione politico-militare nella zona centrale del paese, il Ministero degli Esteri italiano sconsiglia di effettuare spostamenti nella Provincia di Sofala lungo la strada EN1, in particolare, nel tratto tra il fiume Save e Muxungue e di limitare il più possibile i viaggi nel distretto di Gorongosa. Qualora fosse indispensabile viaggiare nel tratto Rio Save-Muxungue, si consiglia di ricorrere ai convogli scortati dalle forze di sicurezza mozambicane.
Il rischio di borseggi in Mozambico è circoscritto alle grandi città come Maputo e non negli sperduti villaggi oppure sulle isole, dove si può vivere una vacanza in tutta tranquillità. Se vi trovaste in un grande centro abitato adottate alcune accortezze: meglio non indossare o mostrare oggetti di valore (compresi i telefoni cellulari e le macchine fotografiche) e prestare particolare attenzione quando si preleva denaro dai distributori automatici.
Si raccomanda, inoltre, di portare con sé i propri documenti (passaporto con visto valido) per i frequenti controlli da parte delle autorità locali di sicurezza.

Un po’ di storia e di… economia


Paese antichissimo, abitato fin dalle origini dell’uomo, come dimostra il ritrovamento di resti di ominidi, vide trasferirsi nelle sue terre, circa 2000 anni fa, popoli bantu (così chiamati per via del loro gruppo linguistico) provenienti dal nord. Nel frattempo sulle coste sorsero numerose città, porti commerciali collegati al resto dell'Africa, al Medio Oriente e all'India. Era questo il Mozambico che trovò Vasco de Gama al suo arrivo su queste coste nel 1498, e che l’esploratore era deciso a trasformare in un grande ponte per i traffici portoghesi verso il continente indiano: oro, avorio e, a partire dalla metà del Settecento, schiavi partivano da queste coste per arricchire i commercianti europei.
Contemporaneamente i portoghesi si spostavano verso l'interno, procedendo nell'opera di colonizzazione.
Una situazione che rimase pressoché invariata, mettendo in ginocchio l’economia e le tradizioni del paese, fino al 1975 quando finalmente il Mozambico smise i panni di colonia e divenne libero. Il che non significò la fine di tutti i problemi: il Mozambico era un paese nel caos, con un’economia al collasso, in pessimi rapporti con il Sudafrica, dilaniato da una guerra civile.
Fino al 1992: con la fine delle ostilità, infatti, per il Mozambico si è aperta un’epoca davvero nuova e oggi è uno dei paesi emergenti del continente africano. Quella che in passato era un'economia allo sbando, è diventata una delle più forti dell'Africa, grazie alla volontà della popolazione e agli aiuti della comunità internazionale.
Il Mozambico è uno dei paesi più interessanti per un viaggio: magico, misterioso, emozionante, senza essere ancora diventato una meta del turismo massa. È un tuffo nell’Africa più autentica, un’Africa ottimista che guarda al futuro.
 

Per maggiori informazioni:
CORAT
Via R. Morandi, 3/E 20090
Buccinasco (Mi)
Tel. +39 02 4570 2999
Fax: +39 02 4570 9493
Email: info@corat.travel
Facebook: www.facebook.com/corat.it?fref=ts

 

Condividi su Facebook