Luci d’artista 2015 a Torino – il festival delle luminarie d’autore

Il Natale è alle porte e a Torino si tinge di magia, grazie a una manifestazione amatissima: “Luci d’Artista”.

 

 

Nata nel 1998, ritorna puntuale e attesissima ogni anno (fino al 10 gennaio 2016) a illuminare le vie, le piazze e i portici di Torino.

Uno dei più bei Festival delle Luminarie, da considerarsi come un vero e proprio itinerario museale a cielo aperto, da percorrere a piedi o in bicicletta: opere temporanee in luoghi diversi e significativi della città che creano scenari artistici inediti nel campo dell’arte contemporanea.
L’edizione 2015 di Luci d’Artista, conta 4 nuove installazioni luminose (due in piazza Castello e due in via Lagrange) per un totale quest’anno di 24 opere che illumineranno le strade del capoluogo piemontese in attesa e durante le festività natalizie.

Novità importante della nuova edizione 2015, la diciottesima di Luci d’Artista a Torino, l’allestimento di "Migrazione (Climate change)" opera dell’artista torinese Piero Gilardi: 12 sagome di pellicani sospesi all’interno della Galleria Subalpina, che evocano le grandi migrazioni provocate dal riscaldamento globale e volano alla ricerca di climi più freschi.

L’altra opera al debutto, “Mattang lucente. La rete celeste di Gaia”, ideata da Ugo Locatelli, è invece la ricostruzione luminosa di un antico “mattang” polinesiano, una mappa in bambù dei sistemi di onde, correnti marine e venti, fabbricato dagli isolani per muoversi nell’arcipelago, metafora della navigazione esplorativa aperta.

 

 

 

Le opere della collezione che si potranno ammirare quest’anno sono: Vele di Natale di Vasco Are in via Lagrange; Ancora una volta di Valerio Berruti in via Accademia delle Scienze; Palle di neve di Enrica Borghi in via Carlo Alberto; Volo su… di Francesco Casorati in via Pietro Micca e via Cernaia; Regno dei fiori: nido cosmico di tutte le anime di Nicola De Maria in piazza San Carlo; Giardino Verticale, Giardino Barocco, Come se a Torino ci fosse il mare e La Maschera di Richi Ferrero in via Alfieri 6-Palazzo Valperga Galleani; L’energia che unisce si espande nel blu di Marco Gastini in Galleria Umberto I (Porta Palazzo); Planetario di Carmelo Giammello in via Roma; Migrazione - Piero Gilardi (nuova opera) in Galleria Subalpina; Illuminated Benches di Jeppe Hein in piazza Carignano; Piccoli Spiriti Blu di Rebecca Horn al Monte dei Cappuccini; Cultura=Capitale di Alfredo Jaar in piazza Carlo Alberto 3 (facciata Biblioteca Nazionale); Luì e l’arte di andare nel bosco di Luigi Mainolfi in via Garibaldi; Il volo dei numeri di Mario Merz sulla cupola della Mole Antonelliana; Vento solare di Luigi Nervo Porta Palatina; L’amore non fa rumore di Domenico Luca Pannoli in piazza Bodoni; Palomar di Giulio Paolini in via Po; Amare le differenze di Michelangelo Pistoletto sull’Antica Tettoia dell’Orologio a Porta Palazzo; My noon di Tobias Rehberger in piazza Palazzo di Città (accesa tutto il 2015 in omaggio al gemellaggio “Torino incontra Berlino”) e Luce fontana ruota di Gilberto Zoiro al Laghetto Italia ’61.

Due le opere ospiti dalla Città di Salerno: “Mosaico” di Enrica Borghi, già ospitata a Torino durante l’edizione 2009/2010, e “Il Mito” di Nello Ferrigno. Le due installazioni sono rispettivamente in via Montebello e via Verdi e in via San Francesco d’Assisi.

Torino vestita a festa per questo Natale 2015 è davvero uno spettacolo da non perdere.

Per ulteriori dettagli, Luci d’Artista 2015 a Torino.

 

 

 

 

 

Condividi su Facebook