Riapre il Museo Picasso di Parigi

Riapre al pubblico dopo cinque anni di chiusura il Musée Picasso di Parigi, la galleria d’arte dedicata all’artista spagnolo Pablo Picasso.
 

L’edificio che ospita il Museo Picasso, l’Hôtel Salé nel quartiere Marais, è rimasto chiuso per un restyling del quale si è parlato a lungo, per la cifra imponente dei lavori e per una serie di rallentamenti burocratici che ne hanno protratto oltre il tempo stabilito la chiusura.
Ma, come in tutte le favole che si rispettino, il finale vede tutti felici e contenti, in primis il presidente francese François Hollande che, nel corso dell’inaugurazione del nuovo Museo Picasso lo ha definito, forse non a torto, “uno dei più belli e affascinanti” al mondo.
Il museo, infatti, ospitato in un edificio settecentesco nel cuore dell’antico quartiere del centro di Parigi, è stato radicalmente modernizzato e ampliato, conquistando più del doppio della spazio rispetto all’originale e una fruibilità inaspettata.
“È cambiato tutto e non è cambiato niente”, ha sottolineato il direttore del museo, Laurent Le Bon, riferendosi al fatto che l’impianto del palazzo è rimasto sostanzialmente immutato, e rassicurando quindi la parte di pubblico che avrebbe potuto non gradire eventuali stravolgimenti nella ristrutturazione del palazzo.
Aperto per la prima volta nel 1985, il Musée Picasso ospita una delle più importanti collezioni al mondo del grande pittore, per genere e numero di opere raccolte: oltre 5mila, tra dipinti, disegni, sculture, fotografie e altre opere. Picasso passò gran parte della sua vita in Francia e la maggior parte delle opere in mostra è stata lasciata allo Stato francese alla sua morte nel 1973. Altre sono state donate dalla famiglia. 

 

 

 

Condividi su Facebook