Manzoni, a Milano il Teatro dalle cinque stagioni

La nuova stagione del Teatro Manzoni, punto di riferimento della grande prosa meneghina, ha segnato una svolta rispetto al passato, con una metamorfosi in cinque "cartelloni", per venire incontro, il più possibile, alle sempre nuove esigenze dei suoi abbonati. 

È un concetto rivoluzionario per un teatro classico, come ha sottolineato il direttore generale Alessandro Annone durante la conferenza stampa di presentazione.


Gli attori protagonisti, vecchie e nuove glorie, erano tutti sul grande palcoscenico, a testimoniare il rispetto e l'attaccamento al grande pubblico, che li segue da anni: Lorella Cuccarini, Monica Guerritore, Francesca Reggiani, Chiara Francini, Luca Barbareschi, Filippo Dini, Giampiero Ingrassia, Corrado Tedeschi, Raul Cremona, (con Vincenzo Salemme, presente in video), Vittorio Sgarbi, Paolo Migoni e Antonio Ornato. Tutti sono stati salutati con affetto e tanti applausi, ottimo segnale per una stagione che si preannuncia di sicuro e grande successo.

Eccola, nei particolari: Prosa, Cabaret, Manzoni Family, Manzoni Cultura e Manzoni Extra.

La Prosa offre dieci spettacoli: L'anatra all'arancia, con Luca Barbareschi e Chiara Noschese; La guerra dei Roses, con Ambra Angiolini e Matteo Cremon; Una festa esagerata, con Vincenzo Salemme; Regalo di Natale di Pupi Avati; Due, con Raul Bova e Chiara Francini; Mariti e Mogli, con Monica Guerritore e Francesca Reggiani; Non mi hai più detto ti amo, con Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia; Quel pomeriggio di un giorno da star, con Corrado Tedeschi, Brigitta Boccoli e Ennio Coltorti; D'Annunzio segreto, con Edoardo Sylos Labini; Di a da in con super tra fra Shakespeare, con Serena Sinigallia, Arianna Scommegna e Mattia Fabris.

Il Cabaret: La Bibbia di Paolo Cevoli; E se fosse stato il cavallo?, con Angelo Pintus; Horny, con Antonio Ornano; Platone, con Leonardo Manera e Alessandro Milan; Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere, con Paolo Migone; Sotto il vestito: Vernia, con Giovanni Vernia.

Manzoni Family: Le avventure della fabbrica di cioccolato; I tre porcellini; Aladin e la lampada meravigliosa; La regina dei ghiacci; Il pifferaio magico; Pippi Calzelunghe; Il mago di Oz; Hansel e Gretel, Simba il Re Leone; Monster Allergy; Rapunzel il fiore magico; Welcome Hotel Transilvania; Cappuccetto Rosso; Il magico zecchino d'oro.

Manzoni Cultura: Davide Van der Froos; Vincenzo Salemme; Alex Zanardi; Selvaggia Lucarelli.

Manzoni Extra: Michelangelo, con Vittorio Sgarbi; Incontri con la storia, con Elisa Greco; Il filo spinato dell'amore, con Lorenzo Loris: Festival della magia a Milano, con Raul Cremona; Gioànn Brera, con Bebo Storti e Sabina Negri; Sagra della primavera, con Nuovo Balletto Classico.

Si tratta di un tabellone ben articolato, con tante novità e alcuni titoli "prestati" direttamente dal cinema dei grandi autori.
Il divertimento sembra assicurato e già sottolineato dagli abbonamenti sottoscritti e i tantissimi prenotati, visto che quest'anno si parte già dal 2 ottobre, a dimostrazione di quanto i milanesi apprezzino gli sforzi che gli operatori del Manzoni fanno anno dopo anno, con il preciso obbiettivo di rendere ancora più prestigiosa l'offerta culturale e dare sostegno a un teatro che riesca a far primeggiare Milano anche in campo artistico.

Giovanni Labanca

 

 

Condividi su Facebook