Eco Cycle – il parcheggio sotterraneo per bici di Tokyo

Vivere green è possibile anche in una metropoli tentacolare come Tokyo.

Proprio dalla capitale del Giappone, dove gli spazi sono così sfruttati che spesso è difficile trovare un piccolo angolo per parcheggiare la bicicletta, arriva una bella notizia, che coniuga tecnologia e stili di vita ecosostenibili.
Sebbene il Giappone sia un paese leader nella produzione automobilistica e il servizio di trasporto pubblico sia uno dei più avanzati del mondo, la bicicletta rimane un mezzo molto utilizzato per sfuggire al traffico tentacolare.
E per parcheggiare la bici a Tokyo è nato un sorprendente e organizzatissimo parcheggio sotterraneo: Eco-Cycle.

Progettato dall’azienda giapponese Giken Seisakusho, Eco-Cycle è una struttura che permette lo stoccaggio sotterraneo delle biciclette in pochi secondi. Per poter usufruire del servizio di Eco Cycle basta sottoscrivere un abbonamento di circa 1.800 yen al mese - poco più di 13 euro - per posteggiare in tutta tranquillità il proprio mezzo di locomozione ecologico, al riparo da ladruncoli e vandali, senza neppure aver bisogno del catenaccio.
Il parcheggio Eco Cycle è pressoché tutto sotterraneo, tranne una piccola cabina a livello stradale che consente, una persona per volta, di consegnare la propria bicicletta al parcheggio. Basta avvicinare il mezzo al cancello, posto nella struttura in superficie, e un braccio meccanico provvederà a stoccarlo in un “bunker” che raggiunge i 7 metri di profondità e può ospitare fino a 200 biciclette. Per recuperare la bici, basterà avvicinare la tessera personalizzata al sensore, posizionato vicino al cancello, e aspettarla riemergere dalla pancia della Terra in pochi secondi.
Eco Cycle è, ovviamente, anti-sismico, può contenere fino a 200 biciclette contemporaneamente ed è in grado, grazie a un tesserino di riconoscimento, di funzionare in modo pressoché totalmente automatico. Attualmente vi sono 43 impianti Eco Cycle dislocati in 16 zone di Tokyo, funzionanti dalle 4.30 del mattino alle 1.30 di notte.

 

Condividi su Facebook