EatWith, la community per trovare amici e inviti a cena

In un mondo dove la convivialità viaggia sempre più sul filo del web, dove socializzare si confonde con i “social”, ci sono idee che fanno ben sperare nell’umanità.

Magari sono piccole cose, finestre apparentemente minuscole sul mondo, che diventano però un modo reale di vivere e incontrarsi.
E così se la condivisione del cibo deve e può essere considerata anche una forma di integrazione sociale e culturale, anzi forse è proprio una delle più importanti, ben si spiega il successo di EatWith, una specie di Airbnb per foodies e viaggiatori curiosi, una nuova community che permette alle persone di fare amicizia attraverso inviti a cena e gustare piatti fatti in casa.

In breve, EatWith funziona così: un ospite in una qualche capitale del mondo decide di organizzare una cena a casa, assegna un prezzo ai piatti, e pubblica il suo invito sul sito. Se qualcuno è di passaggio in città e l’idea di una cenetta al buio home made lo stuzzica può iscriversi e partecipare. Certo, è necessario essere viaggiatori avventurosi e un po’ spavaldi per presentarsi a casa di uno sconosciuto pronti a degustare le sue specialità culinarie, ma sta di fatto che l’idea sta avendo grande successo. Anche perché di solito, chi invita ha una bella casa e dimestichezza tra i fornelli. E infatti nella community di EatWith ci sono molti food blogger, notoriamente gente che ama cucinare e che socializza facilmente.
L’idea è nata nel 2010 da Guy Michlin e Shemer Schwartz, dopo un viaggio nell’isola di Creta e un’indimenticabile esperienza culinaria presso una famiglia locale; ma nel 2012, l’idea si è trasformata in una startup con sede a Tel Aviv, in Israele e a Barcellona.

Sul sito web si può selezionare qualsiasi città in cui ci si trova e, in base ai propri gusti culinari, fare richiesta all’Host (persona che mette a disposizione le proprie competenze in cucina) che col suo menù (e costo) più ispira il nostro palato. I prezzi in genere sono alla portata di molti, intorno alle 20, 30 euro a cena.
Così, anche per chi vive in una grande città, magari in una metropoli come Londra o New York, può essere un’opportunità curiosa e divertente per fare nuove conoscenze. E infatti sono sempre di più gli utenti che entrano a far parte di questa community e scelgono quindi di ospitare e/o di essere accolti nelle case di tutto il mondo.

Al momento si può scegliere EatWith a Tel Aviv, Roma, Milano, New York, Parigi, Amsterdam, Barcellona, Buenos Aires, Gerusalemme, Las Vegas, Lisbona, Londra, Los Angeles, Madrid, Miami, Porto e San Paolo.
A meno che non siate quel genere di turisti che non sa rinunciare a un piatto di spaghetti, questa è la soluzione che fa per voi.

 

 

Condividi su Facebook