Cavoli a merenda - ristorante, caffè e scuola di cucina a Milano

Se volete provare la cucina di questo nuovo ristorante milanese (che è anche caffetteria e scuola di cucina), citofonate: Cavoli a Merenda.

Perché Cavoli a Merenda è un ristorante piuttosto insolito, ospitato all’interno di un nobile palazzo di via Magenta. Al primo piano scala sinistra, per essere precisi.
Niente vetrine sulla strada, quindi, ma un insospettabile citofono, a introdurre gli ospiti in un ambiente sorprendentemente luminoso ed elegante. Gli spazi di Cavoli a Merenda, ampi ed eleganti come si addice a una dimora al piano nobile di una palazzo milanese settecentesco, sorprendono per una scelta di interior design che mescola elementi shabby chic, con qualche tocco lezioso smorzato da pezzi contemporanei (come le sedie in plexiglass trasparente).
Il tutto perfettamente integrato in saloni dai soffitti a cassettoni finemente decorati e dai camini sovrastati da specchi barocchi.
Eppure, non vi aspettate nulla di forzatamente formale, perché Cavoli a Merenda (e l’ironia si nasconde anche nel nome) è un ambiente giovane, leggero, allegro.
Fiore all’occhiello la bellissima cucina in legno candido, dove si tengono i gettonatissimi corsi di cucina, e un terrazzo meraviglioso, dove ci si rifugia non appena spunta un filo di sole a Milano.
“Ho voluto creare un luogo in cui tornare indietro nel tempo, un ristorante “privato” in un ambiente curato in ogni dettaglio. Una tipologia di locale già presente a Londra e in altre città di Europa, ma ancora difficile da trovare in Italia”. Così Vanessa Viscardi, direttrice e chef del nuovo Ristorante e Scuola di Cucina Cavoli a Merenda racconta il suo amato locale.
Il menù varia ogni settimana, scegliendo tra alimenti freschi secondo la stagionalità. La cucina è espressa per esaltare le proprietà di ogni alimento e c’è anche una nutrizionista che segue il bilanciamento dei piatti per una corretta alimentazione. L’obiettivo è quello di offrire ai clienti la possibilità di un pranzo gustoso, ma equilibrato, che non appesantisca e che sia ricco dal punto di vista nutrizionale.
Da Cavoli a merenda si preferisce la cottura a vapore, per non perdere le proprietà organolettiche delle verdure, e i condimenti grassi sono sostituiti con altri considerati più appropriati. Ci sono, per esempio, la Carbonara di carciofi e i Paccheri con ragù di arance, il Coniglio disossato cotto a bassa temperatura con verdure croccanti e il Salmone in fascia di porri con crema di pistacchi.
I dolci sembrano quelli di casa: c’è la torta di mele, la torta di carote, la frutta fresca con la panna. I vini, superbi, sono opera di un interessante sommelier che li ha scelti premiando piccole cantine che vinificano ancora privilegiando la qualità.
Cavoli a merenda, però, è anche una caffetteria chic, che conserva l’atmosfera dei caffè letterati dei primi del ‘900: un luogo caldo dove potersi ritrovare, leggere o, semplicemente, godersi un momento della giornata sul terrazzo, sorseggiando tè di alta qualità o un piccolo aperitivo.
E poi c’è la scuola di cucina di Cavoli a merenda. Tenuta con amore da Vanessa, è una scuola senza pretese, che vuole davvero insegnare a cucinare in modo semplice e facilmente riproducibile a casa propria, anche a chi ha poca dimestichezza con i fornelli. Perché per mangiare bene, non si deve essere per forza degli chef. Tra i corsi più gettonati, c’è quello per imparare a preparare gli antipasti, ideale per chi ama invitare gli amici a casa, ma non ha né il tempo né la voglia di dedicarsi troppo ai fornelli. Meglio chiacchierare con un Martini in mano, che correre avanti e indietro dalla cucina per ridursi a cucinare tutto all’ultimo momento: è la filosofia di Vanessa. E noi la condividiamo.
Molto di moda, ultimamente, anche il corso di panificazione. Due lezioni per non perdere nessun passaggio: nel corso della prima si mettono le mani in pasta e si studiano le varie lievitazioni, alla fine della seconda si vedono i risultati. Per i salutisti convinti ma golosi, invece, c’è il corso di pasticceria wellness: biscotti al caramello, ciambelline al farro e cacao, mattonelle al Kamut, mandorle e nocciole e biscottini wellness (antiossidanti). 


 

 

Condividi su Facebook